Google+ Followers

domenica 15 marzo 2009

MORESCO/ CONVEGNO, LA CERTIFICAZIONE DELLA TRADIZIONE

MORESCO – “La Certificazione della Tradizione ” è il tema di un convegno che il prossimo 19 marzo alle ore 17 vedrà protagoniste le eccellenze gastronomiche ed enologiche del cuore del territorio Fermano e Piceno. L’iniziativa, che si terrà a Moresco presso l’ex Agricoop, luogo simbolo della Valdaso, recentemente rilevato dal gruppo Ciriaci, vedrà la partecipazione di personaggi del calibro del giornalista di Rai Uno, Paolo Notari, il suo celebre direttore Fabrizio Del Noce, il noto esperto di gastronomia Davide Paolini, il presidente di Confindustria Marche, Federico Vitali, il vicepresidente della Regione Marche, Paolo Petrini, il membro della Commissione Industria Commercio e Turismo del Governo Berlusconi, senatore Francesco Casoli. Promotore dell'evento è Enzo Rossi, il pastaio di Campofilone, assurto alla cronaca nazionale poco più di un anno fa’ per aver aumentato di ben 200 euro netti lo stipendio dei propri dipendenti, dopo aver provato a fare la vita da operaio per un paio di settimane. “Le eccellenze della terra messe in campo da “La Certificazione della Tradizione” – ha affermato Rossi, da anni al vertice di una delle più affermate e blasonate aziende della Valdaso, La Campofilone - sono beni regionali al pari di quelli architettonici come il borgo ed il castello di Moresco e quelli artistici come la pala del Crivelli di Montefiore dell’Aso nonché quelli più squisitamente turistici come la spiaggia di Pedaso. La selezione delle aziende protagoniste è stata fatta in base ad un criterio che da sempre ha contraddistinto le mie aziende e che rappresenta un filone comune con le altre attività, ovvero l'essere radicati nel territorio, aver saputo prendere dalla storia e dalla tradizione contadina la conoscenza per la produzione e la trasformazione enogastronomica aggiornandola con le moderne tecnologie”. Oltre a la pasta de La Campofilone, ci saranno i salumi Ciriaci, il vino di Ciù Ciù, il vino cotto di Catalini, i salumi e formaggi dell'azienda agricola Rossi, il pesce di Maroni, l’olio del frantoio Vitali Alessandrini, le olive all'ascolana della Maila e del ristorante 5 Ragazze, la frutta della Valdaso con le aziende del Comitato Pesca della Valdaso Igp, il Vivaio Garden di Giuseppe Malavolta. “Il programma – ha ripreso Rossi - oltre al convegno prevede una cena di gala al Casale di Altidona in cui saranno degustati i prodotti d'elite da tutti agenti nazionali che rappresentano le eccellenze italiane e formano la rete vendita de La Campofilone ed in parte della Ciù Ciù. Tali agenti saranno messi a disposizione delle aziende del territorio per ampliare la loro distribuzione e valorizzazione in Italia”. Ad introdurre il convegno sarà Notari mentre a moderarlo Del Noce, che tratterà anche dell’importanza della tradizione in generale e nell’enogastronomia in particolare. La prima parte riguarderà il tema del successo di un prodotto tra innovazione e tradizione: il sindaco di Moresco, Amato Mercuri, affronterà l'igp della Pesca della Valdaso, l’imprenditrice Alessandra Maroni, il Pesce dell’Adriatico, il sindaco di Campofilone, Ercole D'Ercoli, l'igp del Maccheroncino di Campofilone, l’imprenditore Pietro Rossi l'iniziativa “Adotta una mucca” e Paolini il Marketing innovativo dell'enogastronomia. La seconda parte è dedicata al supporto alle pmi e qui Vitali discuterà su le necessità delle imprese e del sistema Italia per l’enogastronomia, Petrini su innovazione e Tradizione nelle Marche, il supporto regionale, Casoli su investimenti nella ricerca e Giuseppe Benigni, direttore della Bcc Picena di Castignano, chiuderà con il supporto bancario alle pmi. Ci sarà infine anche chi “disturberà” il convegno ovvero Enzo Rossi ed il suo collega Walter Di Bartolomei della Ciù Ciù.

Nessun commento: