Google+ Followers

lunedì 20 dicembre 2010

CASTEL DI LAMA/ TESTIMONIAL NAZIONALI PER IL DECENNALE DELLA SANTA MARIA

(PRESSOFF.INFO) CASTEL DI LAMA, 20 DIC. – Con una cena degli auguri alla quale erano presenti almeno trecento persone si sono aperte nei giorni scorsi le celebrazioni per il Decennale della Polisportiva Santa Maria di Castel di Lama presieduta da don Nazzareno Gaspari. I festeggiamenti che non si concluderanno prima del prossimo mese di giugno, si concretizzeranno in tre grandi eventi cui parteciperanno testimonial di caratura nazionale ed un gran finale già programmato per il 16 giugno 2011. A darne notizia nel corso della serata conviviale è stato lo stesso don Nazzareno affiancato dal direttore generale della Polisportiva, Pierangelo Senesi, e dal responsabile della squadra di Terza categoria di calcio, Sandro Alessandrini. Alla manifestazione sono intervenuti anche il sindaco di Castel di Lama, Patrizia Rossini, insieme al suo assessore allo sport, Tommaso Amadio, il presidente della Provincia di Ascoli, Piero Celani, il presidente provinciale della Figc, Domenico Silvestri, con il responsabile del settore giovanile, Attilio Alfonsi, quello della Fipav, Sergio Torquati, e la preside della locale scuola media Maria Rita Sacripante. “Siamo nati dieci anni fa – ha detto Senesi ai presenti – grazie a Don Nazzareno che ci chiese di condividere con lui un progetto ambizioso, quello di creare una società di calcio che sposasse i principi della pastorale parrocchiale, promovendo lo sport come mezzo di condivisione dei principi cristiani. Da subito ci attivammo. A riguardo ricordo il socio fondatore Guido Malavolta scomparso 4 anni fa”. “Quello che cerchiamo di dare a nostri ragazzi – ancora Senesi – è uno sport sano, in cui lo stare insieme con gioia, amore e senza pretese siano alla base del nostro cammino. In questi anni, comunque, abbiamo raggiunto tanti obiettivi: una coppa disciplina com la terza categoria, gli allievi ed i giovanissimi provinciali; la disputa dei playoff lo scorso anno con la terza; la promozione sempre lo scorso anno della pallavolo in seconda categoria. Ad oggi contiamo più di 200 atleti. Da circa un anno abbiamo il nostro centro parrocchiale: un vero gioiello! Infaticabili ed insostituibili artefici della nostra attività sono i vari Franco Tiburtini, Vittorio Coccetti, Dino Tempera, Brandino Marchetti e Domina Mandozzi. Un grande ringraziamento va anche a tutti i responsabili di ogni squadra: Nicola Fioravanti, Fabrizio Scorza, Marino Felicioni, leo Colaninno, Candido Celani, Enzo Rossi, Sabrina Vannicola, Orlando Franceschi e Daniele Vagnoni. Altro ringraziamento va ovviamente ai tecnici: Enzo Matricardi, Silvano Damiani, Giuseppe Vaccariello, Paolo Palaferri, Massimiliano Pica, Rito Cherubini, Renzo De Carolis, Mauro Spinelli, Sergio Parolo, Giuseppe Martini e Paolo Antonimi”. “Un ringraziamento tutto speciale – conclude Senesi – va al nostro presidente Don Nazzareno con il quale condividiamo tante battaglie e tante discussioni in cui cerchiamo sempre di mettere al primo posto la persona e poi l’atleta. Dieci anni fa abbiamo iniziato insieme, dieci anni fa è finita la tranquillità, con tutti i problemi che si sono presentati e che hanno avuto il loro peso, ma noi ancora oggi cercheremo sempre di andare avanti con il sorriso sulle labbra, chiedendo scusa, facendo il primo passo e sempre pronti a ricominciare”.

giovedì 16 dicembre 2010

BIGLIETTI DELLA LOTTERIA DELLA CONFRATERNITA DI MISERICORDIA DI ASCOLI PICENO.

BIGLIETTI DELLA LOTTERIA DELLA CONFRATERNITA DI MISERICORDIA DI ASCOLI PICENO.



IL RICAVATO SARA’ DEVOLUTO AL PROGETTO, DEDICATO AGLI ANZIANI, CHIAMATO “TRASPORTO AMICO” IDEATO DALLA MISERICORDIA STESSA.



ULTERIORI INFORMAZIONI POSSONO ESSERE ACQUISITE PRESSO IL SITO INTERNET www.misericordiaascoli.it O PRESSO LA SEDE DI VIA DEI GIRASOLI 1 (DAVANTI L’OSPEDALE) O TELEFONANDO AI N° 0736/336194, 333/1262864.


1. PREMIO biglietto n° 4588: “Settimana Bianca” per 2 persone dal 2 all’8 Gennaio 2011



2. PREMIO biglietto n° 2906 : “Settimana Bianca” per 1 persona dal 10 al 16 Aprile 2011



3. PREMIO biglietto n° 4404 : TV LCD 32” NordMende



4. PREMIO biglietto n° 0229: Premio Assicurativo RC Capofamiglia



5. PREMIO biglietto n° 2294 : Telecamera Samsung



6. PREMIO biglietto n° 0600: Prosciutto D. O. P.



7. PREMIO biglietto n° 4976: Prosciutto D. O. P.



8. PREMIO biglietto n° 3851: DVD Telesystem



9. PREMIO biglietto n° 1389: Buoni pasto per 4 persone c/o Osteria del Cigno



10. PREMIO biglietto n° 2764: Cellulare Nokia



IL GOVERNATORE

Gabrielli Elia

sabato 11 dicembre 2010

SAN BENEDETTO DEL T./ FEDERCUOCHI, MARTEDI’ A CENA CON VINI ANALCOLICI


(PRESSOFF.INFO) SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 11 DIC. – Come rinunciare all’alcol senza rinunciare ad un buon vino? Questo è il quesito al cui la Federazione Italiana Cuochi delle provincia di Ascoli Piceno darà risposta martedì prossimo 14 dicembre alle ore 20 presso l’Istituto alberghiero di San Benedetto del Tronto in piazza monsignor Schiocchetti. A darne notizia è il presidente della Federcuochi picena, lo chef Alessandro D’Addazio. “Relatori della serata – ha detto D’Addazio – saranno Mario ed Edo Butteri titolari dell’azienda Indal 2000 di San Benedetto del Tronto, importatrice per l’Italia di questi vini senza alcol. Nel corso della serataquesti innovativi prodotti saranno presentati, degustati e dibattuti grazie alla collaborazione degli alunni e docenti dell’Ipssar a cui la nostra Associazione esprime ancora una volta la propria gratitudine ed in particolare al professor Sgattoni per la disponibilità offertaci”. Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere al presidente provinciale della Federcuochi Picena, Alessandro D’Addazio al numero 3471160330, alla Presidente nazionale delle Lady Chef, Gabriella Bugari al 3476561918 oppure allo chef Gianluca Palestini al 3288610301.

mercoledì 8 dicembre 2010

ASCOLI/ DE BERARDINIS A KIEV RAPPRESENTA IL JUDO SAMMARINESE


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 08 DIC. – Il Maestro ascolano, Giuseppe de Berardinis, è stato inviato a Kiev dalla Federazione Sammarinese di Judo come rappresentante ufficiale all’esclusivo Congresso annuale dell’Eju, l’European Judo Union, dove si è discusso dei programmi futuri dell’approvazione del bilancio 2010. Questo mandato va e seguire la nomina di de Berardinis avvenuta nell’ottobre scorso tra i Docenti della neo formata Snsj, la Scuola Nazionale Sammarinese di Judo. Tali riconoscimenti al Maestro ascolano fanno seguito e non sono meno importanti dell’ incarico conferitogli dalla Fijlkam, la Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, lo scorso novembre. Il Maestro de Berardinis è stato, infatti, nominato Collaboratore del Maestro Stefano Stefanel, Consigliere Nazionale della Fijlkam e Responsabile del settore Kata di Judo. A Pordenone la Fijlkam ha già infatti organizzato il Corso di aggiornamento obbligatorio per i Docenti Federali di Kata e gli Aspiranti tali. Il Maestro oltre a collaborare per la perfetta riuscita dell’evento ha anche tenuto due seminari tecnici per i partecipanti al corso.

giovedì 25 novembre 2010

ASCOLI P./ APRAT: “LA PIZZA POZZA CONQUISTA TUTTI”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 25 NOV. –– Con la “Pizza Pozza”, dedicata all’omonima frazione del comune di Acquasanta Terme, il pizzaiolo Luigino Troli s’è aggiudicato con la pressoché unanimità dei consensi il primo posto del Corso per pizzaioli organizzato dall’Aprat, l’Associazione Professionisti Ristorazione Alberghiera Turismo & Management di Ascoli organizza presso lo stabilimento industriale della Sa.Gi sito in zona industriale Campolungo. Tema del corso, che ha visto piazzarsi al secondo e terzo posto, rispettivamente Fabrizio De Angelis e Matteo Ferretti, era la “Biopizza”. Docente dei corsi è stato l’eccellente maestro pizzaiolo Amato Laurenzi, con la supervisione ed il coordinamento dei progetti del professor Augusto Parrinello, presidente dell'Aprat, assistito da Andrea Di Silvestro, Emilia Proietti e Giuseppe Rainone. Gli altri corsisti ad aver superato con buonissime valutazioni l’esame sono stati Giuseppina Bollettini, Adelina Carbone-Shawis, Giuliana Cecchi, Maurizio Durastanti, Davide De Santis, Luca Demetrio Rapposelli, Mariano Traini e Giuseppe Murrone. Ad assegnare i diplomi a fine corso è intervenuto anche l’assessore provinciale alla formazione professionale Aleandro Petrucci accompagnato dal suo dirigente Mario Lazzari. “Un ringraziamento particolare – afferma Parrinello - l’Aprat lo fa alla dottoressa al direttore di stabilimento della Sa.Gi, l’ingegner Sandro Rella, ed a Glauca Vespertini, responsabile marketing aziendale della Sa.Gi Spa, che ha gentilmente offerto la disponibilità dell’azienda come sede dei corsi. Tra i ringraziamenti non possono mancare quelli agli sponsor tecnici, ovvero la Viander rappresentata da Saturno Carassai, il Molino Petrucci, la Sabelli, il salumificio Costantini ed il Forno Marozzi. Per informazioni sulle prossime attività formative e non, è possibile telefonare al numero 338.9330394 oppure allo 0736.258253.

sabato 20 novembre 2010

ASCOLI P./ IL DIRETTORE DEL MELETTI, GIULIO VALLORANI, DIVENTA TABLER


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 20 NOV. – In occasione della recente “Castagnata di solidarietà” per raccogliere fondi da devolvere al Telefono Azzurro, la Round Table 27, l’esclusivo club dei giovani ascolani, ha ampliato la sua compagine sociale con l’ingresso di Giulio Vallorani, grande professionista del settore “food & beverage” di recente indicato quale responsabile dello storico Caffè Meletti prossimo alla riapertura. A dare notizia di questo ingresso in Tavola avvenuto durante la gradevole serata di club nella particolarissima location del Rifugio Tre Caciare, è il presidente della Round Table numero 27 di Ascoli Piceno, Fabio Armellini. “L’amico Giulio – afferma Armellini – valorizza oltremodo la nostra squadra già ricca di professionisti nei più svariati settori. Dal ’91 ad oggi Vallorani può infatti vantare un curriculum che lo ha visto protagonista nei più rinomati caffè, ristoranti ed hotel del nostro territorio e non solo: dall ‘hotel Europa a Grottamare al wine bar Arlecchino ad Ascoli, passando per gli alberghi Granpre a San Vigilio di Marebbe, il Posta a Madonna di Campiglio, il Cimone a San Martino di Castrozza, il ristorante Onda Blu di Tortoreto, ancora l’hotel Sirenetta a Tortoreto, lo chalet Calipso ad Alba Adriatica, il ristorante Messer Chichibio a San Benedetto, lo chalet Savana ed il ristorante Pesce d'Oro. La serata oltre che all’accoglienza del nuovo socio è stata dedicata soprattutto al service per raccogliere fondi da devolvere al Telefono Azzurro. Il presidente Armellini ha sottolineato come “basta un piccolo gesto per sostenere l’organizzazione che ormai da ventitre anni dedica il suo impegno alla prevenzione degli abusi, dei maltrattamenti e delle violenze sull’infanzia”. Il numero 1 della Round Table di Ascoli ha ricordato inoltre che “si potrà così contribuire al potenziamento delle sue linee telefoniche, l’19696 e il 199.15.15.15, il cuore di Telefono Azzurro che nel tempo ha saputo trasformarsi in un’organizzazione innovativa, fatta di progetti concreti ma che mantiene nell’ascolto, nell’intervento e nell’aiuto all’infanzia la sua linfa vitale”. “Saper ascoltare . ancora Armellini - è una qualità, una competenza richiesta a chi si occupa di infanzia e di adolescenza e potenziare le linee del telefono Azzurro significa rispondere in maniera adeguata alle migliaia di richieste di aiuto: ogni giorno le Linee accolgono migliaia di chiamate di bambini e adolescenti: oltre 3500 i casi all'anno con problematiche gravi gestiti dal 1.96.96 (gratuito per bambini e adolescenti) e l’ 199.15.15.15 (per adulti e operatori dei servizi) in stretta collaborazione con la rete del territorio. Prima di contattare Telefono Azzurro, il bambino o l'adolescente si è già rivolto ad altri, tanti altri, ma nessuno lo ha saputo ascoltare o ha saputo cogliere il campanello d'allarme da lui lanciato. Telefono azzurro invita da sempre i ragazzi ad “uscire dal buio del silenzio" per trovare il coraggio di chiamare e di raccontare ciò che sta loro succedendo: in Telefono azzurro troveranno sempre chi li ascolterà e li aiuterà nell’esclusiva considerazione del rispetto dei loro diritti, perché, come recita anche l’articolo 3 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, “In tutte le decisioni relative ai fanciulli...l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente”.

sabato 13 novembre 2010

ASCOLI P./ JUDO, ILLUSTRI RICONOSCIMENTI PER IL MAESTRO DE BERARDINIS

ASCOLI - La Federazione Sammarinese Lotta Peso Judo ha nominato lo scorso 22 Ottobre 2010 il Maestro ascolano Giuseppe de Berardinis, docente di judo della neo-fondata Scuola nazionale di judo. Tra i docenti colleghi di de Berardinis figurano l'architetto Livio Toschi di Roma, maestro di judo, studioso e storico della Fijlkam, la Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali.
Gli scorsi 4, 5, 6 e 7 novembre, inoltre, de Berardinis è stato nominato Collaboratore del maestro Stefano Stefanel, consigliere nazionale e responsabile del settore Kata di Judo della Fijlkam. Durante il suddetto periodo si è effettuato poi uno Stage obbligatorio per i docenti federali ed i nuovi aspiranti docenti, in cui de Berardinis ha tenuto due seminari sul Kime no Kata e sul Katame no Kata, riscotendo dai tanti tecnici presenti un ottimo apprezzamento.
Nella giornata del 6 novembre la coppia spezzina, Katia Scapazzone e Sofia Roncone, si classificava al quarto posto nel Kime no Kata alla sesta edizione del Campionato europeo di kata di judo che si è tenuto a Pordenone nella stessa sede dello Stage nazionale per docenti ed aspiranti docenti federali. Detta coppia del Funagoshi La Spezia, è seguita dal de Berardinis dal 21 Febbraio 2010 senza mai aver precedentemente partecipato ad una competizione di Kata di Judo, sta ottenendo importanti risultati: primo posto al Trofeo delle Regioni a Bolzano lo scorso 19 settembre 2010; convocazione in Nazionale per la prima volta e secondo posto al Triangolare Italia, Romania, Iran di Villanova (Pordenone) del 24 ottobre 2010; quarto posto al sesto Campionato Europeo di Kata di Judo tenutosi a Pordenone il 6 e 7 novembre scorsi.
A collezionare successi però è anche l’Asd presieduta da de Berardinis, il Judo Cento Torri di Ascoli Piceno. A Sacile in provincia di Pordenone gli scorsi 6e 7 Novembre alla Finale di coppa Italia di judo, l’atleta ascolana Marta Damiani si è aggiudica la Medaglia d'Argento. Riguardo alla Damiani il Maestro de Berardinis ha sostenuto che “è sempre stata un'ottima atleta, e negli anni ha avuto buoni successi. Nel 2003 e nel 2004 per due anni consecutivi era terza con il Bronzo al Campionato Italiano juniores nella categoria +78 kg. Dopo qualche anno sottotono, per gli impegni universitari è terza con un Bronzo alla Finale di Coppa Italia 2008 di Lanciano e quest'anno è seconda. Anche un'altra ascolana del Judo Cento Torri, Giulia Iommetti, domenica 7 Novembre ha vinto la fase di qualificazione regionale per la finale nazionale Esordienti B di Judo che si terrà a Roma.

mercoledì 10 novembre 2010

ASCOLI P./ ROUND TABLE, CASTAGNATA CONTRO L’INFANZIA VIOLATA


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 11 NOV. – Dopo il successo della raccolta per la fibrosi cistica, la Round Table 27 di Ascoli Piceno questo sabato 11 novembre ha organizzato una “Castagnata di solidarietà” per raccogliere fondi da devolvere al Telefono Azzurro, tradizionale service dell’esclusivo club dei giovani ascolani. A dare notizia di questa iniziativa che avrà luogo presso nella particolarissima location del Rifugio Tre Caciare, è il presidente della Round Table numero 27 di Ascoli Piceno, Fabio Armellini.
“Basta un piccolo gesto per sostenere Telefono Azzurro – afferma Armellini - che ormai da ventitre anni dedica il suo impegno alla prevenzione degli abusi e dei maltrattamenti sull’infanzia e per dire no alla violenza sui bambini. Si potrà così contribuire al potenziamento delle sue linee telefoniche, l’19696 e il 199.15.15.15, il cuore di Telefono Azzurro che nel tempo ha saputo trasformarsi in un’organizzazione innovativa, fatta di progetti concreti ma che mantiene nell’ascolto, nell’intervento e nell’aiuto all’infanzia la sua linfa vitale”. “Saper ascoltare . ancora Armellini - è una qualità, una competenza richiesta a chi si occupa di infanzia e di adolescenza e potenziare le linee del telefono Azzurro significa rispondere in maniera adeguata alle migliaia di richieste di aiuto: ogni giorno le Linee accolgono migliaia di chiamate di bambini e adolescenti: oltre 3500 i casi all'anno con problematiche gravi gestiti dal 1.96.96 (gratuito per bambini e adolescenti) e l’ 199.15.15.15 (per adulti e operatori dei servizi) in stretta collaborazione con la rete del territorio. Prima di contattare Telefono Azzurro, il bambino o l'adolescente si è già rivolto ad altri, tanti altri, ma nessuno lo ha saputo ascoltare o ha saputo cogliere il campanello d'allarme da lui lanciato. Telefono azzurro invita da sempre i ragazzi ad “uscire dal buio del silenzio" per trovare il coraggio di chiamare e di raccontare ciò che sta loro succedendo: in Telefono azzurro troveranno sempre chi li ascolterà e li aiuterà nell’esclusiva considerazione del rispetto dei loro diritti, perché, come recita anche l’articolo 3 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, “In tutte le decisioni relative ai fanciulli...l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente”. Curatore della serata, in particolar modo per quel che riguarda la parte culinario è stato il segretario della Rt27, Luca Vallorani. “Il menù approntato dalle Tre Caciare per questo importante appuntamento – spiega Vallorani - con i Tablers ascolani è sicuramente di quelli tradizionali come si compete ad un rifugio di montagna. Si comincerà con affettati dei sibillini, formaggi con le loro confetture, insalata di farro, coratine di agnello con le uova e zuppa di lenticchie con salsiccia, poi timballo quindi costine di maiale con patate ed il tipico fritto all’ascolana, infine le crostate della nonna ed il vino cotto e tozzetti con caffè e la classica ma sempre apprezzatissima Anisetta Meletti. Dulcis in fundo le caldarroste.

martedì 19 ottobre 2010

ASCOLI PICENO / A GRANDE RICHIESTA TORNA LA SCUOLA DI BADANTE DELLA MISERICORDIA

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 20 OTT. – La domanda di assistenza e cura domiciliare rivolta in particolar modo alle persone anziane sta aumentando sempre più negli ultimi anni, anche ad Ascoli e nei comuni della cintura Picena, mettendo a dura prova, in talune occasioni, le famiglie. Un dato di fatto che ha spinto la Confraternita di Misericordia di Ascoli ad organizzare un specifico corso per badanti. Il corso che prenderà il via il prossimo 8 novembre presso l’Aula magna dell’Ospedale Mazzoni di Ascoli. sarà presieduto e diretto dalla dottoressa Donatella Petritola, neurologa assistente presso la Clinica San Giuseppe. Gli istruttori sono di assoluto rilievo, a partire dal dottor Mario Pedrazzoli, direttore del 118 di Ascoli, fino ad arrivare alla dottoressa Rossana Vagnoni, psicoterapeuta, passando per la dottoressa Elisa Albertini, infermiera professionale Adi. Novità del corpo docente è rappresentata dal pluridecorato chef di fama internazionale, Mauro Michetti, che su esplicita richiesta dei corsisti terrà delle lezioni sui rudimenti di cucina per persone assistite dalle badanti. “Il corso – spiega Ignazio Buonopane che della Misericordia ascolana è il segretario generale – è diretto alla popolazione che si è avviata o vorrà avviarsi alla professione di badante. Sono ammessi sia uomini che donne, come è già avvenuto per il primo ciclo. Lo scopo principale è quello di fornire a chi partecipa le competenze utili a migliorare la qualità del lavoro di assistenza agli anziani. Vogliamo formare una figura in grado di soddisfare i bisogni delle persone anziane assistite, che conosca le principali norme igienico sanitarie anche relative alla cura degli ambienti in cui si lavora (pulizia e riassetto della casa, lavaggio della biancheria, riordino dei materiali utilizzati in cucina), che sia in grado di preparare pasti equilibrati e di sbrigare eventualmente le pratiche burocratiche con cui normalmente una badante si trova a che fare: uffici postali , banche, farmacie, rapporti con le Ausl e altro”. Tra gli argomenti trattati nel corso vi sono: elementi di primo soccorso, psicologia dell’anziano, patologia dell’anziano, alimentazione e dietetica, igiene dell’ambiente e della persona, sociologia, deontologia professionale e parte pratica. “Nei comuni e province più virtuose d’Italia – aggiunge Buonopane –, questo genere di corsi, che è anche rivolto a persone immigrate, ormai sono addirittura organizzati in collaborazione con gli Enti proprio per la sua grande rilevanza a carattere sociale. L'attività di cura a domicilio delle cosiddette badanti prevede, infatti, un contatto diretto e continuo con la persona anziana, con le sue necessità, con le sue aspettative e il raccordo costante con i familiari della persona assistita”. Il livello d’ingresso prevede un ottima conoscenza della lingua italiana la Cittadinanza Cee, oltre che l’essere in regola con i documenti di soggiorno. Dieci sono le lezioni previste dal corso, ogni martedì e venerdì dalle 19 alle 21. Il costo del corso, che prevede anche un rilascio di un attestato di frequenza, è di 60 euro ed il numero massimo dei partecipanti è 40. Considerate le numerose richieste d’adesione già pervenute, per gli interessati è consigliato affrettarsi ad iscriversi. “Le famiglie e le persone che stanno cercando una badante – conclude Buonopane - potranno avere anche attraverso la Confraternita di Misericordia di Ascoli la possibilità di individuare gratuitamente la figura più adatta alle proprie esigenze”. Per informazioni e prenotazioni è necessario rivolgersi presso la Confraternita di Misericordia ad Ascoli in via dei Girasoli 1 o ai numeri di telefono 0736.556194 e 3331262864.

ASCOLI P./ ROUND TABLE, SUCCESSO PER LA RACCOLTA CONTRO LA FIBROSI CISTICA


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 20 OTT. – Sono 200 i nuovi casi all'anno di fibrosi cistica. Ogni settimana nascono 4 malati e ne muore uno in giovane età. Lo scorso week-end in oltre 300 piazze italiane sono stati venduti i ciclamini, fiori divenuti simbolo della ricerca sostenuta dalla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica (Ffc). Ad Ascoli a vendere i ciclamini sono stati i soci dell'associazione nazionale Round Table Italia, che è stata al fianco della Ffc in 400 piazze italiane per supportare l'opera di sensibilizzazione e raccolta fondi. I ragazzi della Round Table 27 di Ascoli (nella foto) sono stati in Piazza del Popolo l’intera mattinata durante la quale i ciclamini sono andati letteralmente a ruba. A pranzo i Tablers ascolani hanno anche tenuto un banchetto di solidarietà presso il Cafè Lorenz cui hanno aderito numerosi loro amici. “Come ricorda Matteo Marzotto – ha ricordato Fabio Armellini, presidente della Round Table 27 di Ascoli -, vicepresidente della Fondazione Fibrosi Cistica, nel nostro Paese ci sono oltre 2 milioni e mezzo di portatori sani, cioè oltre il 4 per cento della popolazione. Per dare un'ulteriore idea: su un autobus urbano ce ne sono in media due, mentre, per esempio in un cinema, ce ne sono una quindicina, quasi sempre inconsapevoli. La ricerca promossa rigorosamente dalla Ffc, si ingegna da 13 anni al fine di trovare una cura definitiva. Il traguardo è vicino e la Campagna d'autunno ha costituito un'occasione davvero importante per il raggiungimento dell'obiettivo. Fino al 24 ottobre si potrà sostenere la ricerca anche attraverso l'invio di un Sms Solidale. Il numero per inviare un sms al costo di 1 euro o per chiamare da rete fissa al costo di 2 euro è il 45599. Gli operatori telefonici interessati sono Tim, Vodafone, Wind, 3 e Telecom Italia. La FFC seleziona e finanzia progetti avanzati di ricerca clinica e di base per migliorare la durata e la qualità di vita dei malati e sconfiggere definitivamente la fc. Finora ha finanziato 142 progetti di ricerca coinvolgendo oltre 400 ricercatori italiani e 130 laboratori. Sono 21 i nuovi progetti che attendono finanziamento con il contributo di tutti”.

CUPRAMARITTIMA/ VENERDÌ ASTA DI BENEFICENZA DELL’ORDINE DI MALTA


(PRESSOFF.INFO) CUPRAMARITTIMA, 20 OTT. – La delegazione di Ascoli Piceno e Fermo del Sovrano Militare Ordine di Malta ha organizzato per domani pomeriggio (venerdì 21 ottobre) alle ore 18 a Villa Cellini di Cupramarittima, al civico numero 71 di via Adriatica Nord, una grande asta di beneficenza per raccogliere fondi per le missioni e per l’acquisto di medicinali per il gabinetto odontoiatrico cittadino. Saranno battuti all’asta preziose opere donate da importanti artisti locali come Arnaldo Marcolini, Sergio Corfiati, Terenzio Eusebi, Giuliano Giuliani, Franco Testa, Nazzareno Luzi, Ettore Tavoletti, Sandro Pazzi, Stefano Rosa, Stefania Fabrizi, Vittorio Amadio, Diego Pierpaoli, Cinzia Cordivani, Vittoria Latini, Enzo Morganti, Dante Fazzini, Gabriele Coccia e tanti altri. E’ possibile consultare il catalogo dell’asta collegandosi al sito www.caritasascoli.org. L’evento è organizzato in collaborazione con la parrocchia dei santi Pietro e Paolo. Prima dell’asta, alle ore 16,30, è in programma la conferenza sul tema “Il volontariato tra scelta e vocazione” con monsignor Decio Cipolloni, vicario generale della Prelatura di Loreto. Il Delegato Granpriorale del Sovrano militare ordine di Malta è il marchese Andrea Nannerini, Marchese di Nannarini, Patrizio di Fermo e Cavaliere di Grazia e Devozione. All’appuntamento sarà presente il Gran Priore di Roma S.E. il Venerando Balì Fra' Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto (nella foto).

GROTTAZZOLINA/ COMUNE: “TUTTI A SCUOLA DI DIZIONE”

(PRESSOFF.INFO) GROTTAZZOLINA, 20 OTT. –– Saper parlare correttamente è uno strumento necessario in qualsiasi relazione. Il modo giusto di porsi si trasforma spesso in un'arma vincente, sia nella vita professionale, sia in quella privata. Inoltre è fondamentale l'intonazione della voce. Con queste fondamentali premesse l’Assessorato alla Cultura del Comune di Grottazzolina ha organizzato una “Scuola di dizione, fonetica, avviamento all’espressione e recitazione”. “Saper parlare per saper comunicare” è lo slogan di questa scuola aperta a tutte le età.
“Molte persone – ha riferito il consigliere comunale Marco Meco -, che hanno imparato ad usare le parole appropriate, spesso non riescono a raggiungere l'intonazione giusta. Con l'importanza sempre crescente della comunicazione, nella nostra società, riuscire ad esprimersi in modo corretto, dominare i propri mezzi vocali, diventa determinante per ogni professione. Ti sarà successo, parlando con qualcuno, di non ascoltare del tutto ciò che stava dicendo, perché eri colpito più dalla sua marcata cadenza dialettale, che dal contenuto delle sue parole. O peggio ancora, di annoiarti dopo pochi minuti perchè la voce che ascoltavi era priva di espressività. La conversazione dovrebbe sempre indurre l'attenzione visiva, uditiva e cinestetica di chi ascolta. Uno degli scopi dell'istituzione della scuola sarà quello di far parlare un italiano corretto, attraverso un percorso che nasce dalla correzione del nostro tipico dialetto marchigiano. Altro scopo della scuola, sarà quello di creare un vivaio di attori, che potranno portare in scena rappresentazioni teatrali. La durata dei corsi è stabilita nella misura di mesi 6, con una eventuale breve pausa per feste varie, cui seguirà una verifica atta a far conseguire un attestato, che consentirà di accedere ai livelli successivi del corso”.
“La scuola – ha concluso Meco - si pregia di ospitare come docenti: Marco Amaolo, assistente-docente dei corsi del maestro Sergio Soldani, e Gaia Delli Santi, insegnante di dizione per attori di cinema e televisione, regista, attrice,declamatrice di poesie, scrittrice di racconti. L’appuntamento è fissato lunedi 25 ottobre, alle ore 21.30, presso la sala del Centro Aggregazione Giovanile, in Corso Vittorio Emanuele II a Grottazzolina. Per informazioni telefonare al numero 333/4301953 (Marco Amaolo)”.

venerdì 15 ottobre 2010

ASCOLI P./ QUARTIERI: “PRG INADATTO PER I CENTRI STORICI”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 15 OTT. – “Il Prg così come è comunemente strutturato e applicato non sia questo strumento insostituibile e irrinunciabile, sia un metodo di pianificazione valido si per certi contesti e certi luoghi, ma assolutamente inadatto per altri: centri Storici, aree di risulta, aree dismesse, zone industriali medio piccole e già urbanizzate, ovvero tutte realtà che si sviluppano con movimento rapido, con domande spesso nuove, per iniziative di singoli o piccoli gruppi. Servono strumenti di indirizzo facili, condivisi dagli operatori, dai cittadini, strumenti che diano spazio alla flessibilità rapida, che siano di volano per lo sviluppo e che facciano da collante tra il pubblico e il privato. La piramide va rovesciata, non c’è più un Prg che impone confini, ma bisogna che chi realmente vive e sviluppa la città fornisca dal basso al Prg gli indirizzi, e che questi vengano compresi in un nuovo tipo di normativa aperta e flessibile. Questa è l’idea. Propositori possono essere i cittadini, società di scopo e di servizio come appunto questo nuovo consorzio, l’università e così via, tutti soggetti che l’amministrazione può coordinare tramite tecnici aperti a questo tipo di sperimentazione”. È questa una delle riflessioni prodotte dal noto architetto imolese Alessandro Quartieri, che ha maggiormente scosso l’affollata platea della presentazione del neonato Cep, Consorzio Edile Piceno, svoltasi nei giorni scorsi presso la splendida Sala dei Savi di Palazzo dei Capitani nella centralissima Piazza del Popolo di Ascoli.
Le considerazioni dell’architetto Quartieri sono risultate di particolare attualità per la Città di Ascoli, in cui l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Guido Castelli ha recentemente annunciato il riaffidamento del Prg al 74enne architetto Pierluigi Cervellati. A moderare l’acceso convegno arricchito dai contributi dell’attentissima platea in cui spiccavano le presenze dell’assessore della Regione Marche, Antonio Canzian e dei consiglieri regionali Valeriano Camela e Giulio Natali, è stato Andrea Calvaresi, il direttore di PmiMarche, l’associazioen di riferimento del Cep. Tra gli interventi più apprezzati, oltre a quelli dei rappresentanti delle istituzioni, vi sono stati quelli del presidente del Consorzio, Domenico Caioni, del presidente e vicepresidente regionale di PmiMarche, rispettivamente Domenico Fratoni e Davide Longo. In particolare a quest’ultimo è stata anche affidata la nota inviata dal Segretario nazionale PmItalia, Roberto Battisti. Del consorzio fanno parte le aziende Siva, Caioni Costruzioni, Its, Sice, Ls Metalmeccanica, Fratelli Natalizi, Cm Infissi.

domenica 10 ottobre 2010

ASCOLI P./ ROUND TABLE, 16 OTTOBRE IN PIAZZA DEL POPOLO CONTRO LA FIBROSI CISTICA


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 10 OTT. – Sono 200 i nuovi casi all'anno di fibrosi cistica. Ogni settimana nascono 4 malati e ne muore uno in giovane età. Il 16 ottobre in oltre 300 piazze italiane verranno venduti i fiori divenuti simbolo della ricerca sostenuta dalla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica (Ffc). Ad Ascoli a vendere i ciclamini, che sono diventati simbolo della ricerca contro la fibrosi cistica, saranno i soci dell'Associazione italiana Round Table Italia, che sarà al fianco della FFC in 400 piazze italiane per supportare l'opera di sensibilizzazione e raccolta fondi. I ragazzi della Round Table 27 di Ascoli saranno in Piazza del Popolo dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20. Nell’intervallo i Tablers ascolani hanno organizzato anche un pranzo di solidarietà presso il Cafè Lorenz cui chiunque può aderire. “Come ricorda Matteo Marzotto – ha affermato Fabio Armellini (nella foto), presidente della Round Table 27 di Ascoli -, vicepresidente della Fondazione Fibrosi Cistica, nel nostro Paese ci sono oltre 2 milioni e mezzo di portatori sani, cioè oltre il 4 per cento della popolazione. Per dare un'ulteriore idea: su un autobus urbano ce ne sono in media due, mentre, per esempio in un cinema, ce ne sono una quindicina, quasi sempre inconsapevoli. Fino al 17 ottobre si torna, dunque, a parlare di questa grave malattia genetica, per la quale la ricerca promossa rigorosamente dalla FFC, si ingegna da 13 anni al fine di trovare una cura definitiva. Il traguardo è vicino e la Campagna d'autunno costituisce un'occasione davvero importante per il raggiungimento dell'obiettivo. Giornata clou, sabato 16 ottobre, con la vendita del ciclamino. Fino al 24 ottobre si potrà sostenere la ricerca anche attraverso l'invio di un Sms Solidale. Il numero per inviare un sms al costo di 1 euro o per chiamare da rete fissa al costo di 2 euro è il 45599. Gli operatori telefonici interessati sono Tim, Vodafone, Wind, 3 e Telecom Italia. La FFC seleziona e finanzia progetti avanzati di ricerca clinica e di base per migliorare la durata e la qualità di vita dei malati e sconfiggere definitivamente la fc. Finora ha finanziato 142 progetti di ricerca coinvolgendo oltre 400 ricercatori italiani e 130 laboratori. Sono 21 i nuovi progetti che attendono finanziamento con il contributo di tutti”. Per informazioni in particolare sull’iniziativa del 16 ottobre è possibile rivolgersi telefonicamente a Francesco Petrelli al numero 333.5413490 oppure via mail a rt27@francescopetrelli.info.

PICENO/ LA CESTISTICA ASCOLI ESPUGNA SAN BENEDETTO NEL DERBY


ASCOLI PICENO – Se lo aggiudica per 81 a 75 la Cestistica Ascoli del patron Rocco Fazzini il primo derby con il San Benedetto valido per il massimo campionato regionale di basket maschile. Il merito degli ascolani guidato dal coach Francesco Petrelli è stato quello di sorprendere i padroni di casa con un cambio di difesa negli ultimi minuti di gioco, dopo aver condotto per oltre tre quarti l’incontro ed aver accusato un calo di concentrazione dovuto ad una panchina rimaneggiata. Oltre ai due giovanissimi under Alessandro Fazzini e Stefano Bernardini in panchina sedevano gli infortunati Gerardo Nanni (arrivato già infortunato), Giuseppe Monachese (contrazione muscolare dopo nemmeno un minuto di gioco) ed il generoso ex di turno, Carlo Grossi, che, dopo pochi minuti di gioco, ha ricevuto una testata, sicuramente involontaria, che gli ha cagionato ben 5 punti di sutura. Il quintetto così per i 40 minuti è stato formato sopratutto dal capitano Eduardo Mazzella (nella foto, autore di 28 punti), Simone Negrini (10), Fabrizio Di Sivestro (15), Marco Mattei (12) e Ramon Ad dazi Gouveia (12).
La gara per il dinamismo, l'agonismo e la sportività espressi dagli atleti è stato molto bella. La Cestistica ha guidato quasi tutta la gara con anche 15 punti di margine A 2.40 minuti dal termine il grande agonismo dei locali, iniziato dopo l’intervallo, ha permesso il sorpasso del +4. Il coach ascolano Petrelli, considerata anche la stanchezza del quintetto, ha risposto con una zona adattata, che ha trovato impreparata la Samb. La Cestistica ha così trovato la forza per reagire riportandosi anche avanti con una tripla fondamentale di Mazzella. A 18’’ dal termine, la Cestistica viaggia a + 4. La Samb usufruisce di una concessione di 3 tiri liberi: dentro i primi 2, fuori il terzo con tentativo di tiro al ferro per poter realizzare altri due punti. I 4 lunghi della Cestistica arpionano rimbalzo e nell’azione successiva aumentano il bottino di altri due punti per la vittoria finale del +6. La Samb ha cercato di contenere gli ascolani e di far valere la buona prestazione di Recchiuti (17) e di Dohaz (19), portando 9 giocatori su 10 a canestro. Per l'Ascoli, tolti i 4 punti di Grossi, ben 77 punti sono stati realizzati dal quintetto che ha giocato l'intera gara. Nel primo quarto le difese di entrambe le squadre sono a larghe maglie. La Cestistica arriva anche a +8, ma la Samb produce un recupero finale e conclude sul +2 per la Cestistica. Prima dell'inizio del secondo quarto il coach Petrelli ed il capitano Mazzella correggono gli errori difensivi. Si torna in campo e gli ascolani mettono in pratica la lezione. Si va al riposo col punteggio di 35 a 48 a favore degli ascolani. Doppo l’intervallo il coach Romano risveglia il carattere dei suoi, mentre Petrelli gli ricorda il secondo tempo delle prima gara ad Urbania, dove la Cestistica avanti di +14, è tornata in campo troppo distratta, regalando poi la vittoria. La Samb entra concentrata e decisa. Parte all'attacco e trova in Torrieri e Dohar i pilastri di un forte recupero. Coach Petrelli cerca di utilizzate i time out per spezzare il gioco e far respirare il quintetto. Recupero finale della Cestistica che conclude il quarto mantenendo un +8. Nell’ultima tempo la Samb accelera, grazie anche ai continui cambi del coach Romano. Le distanze si avvicinano. Recchiuti e Dohaz suonano la carica. I Rivieraschi rimontano e arrivano al sorpasso. Due fattori determinano l'incontro a favore degli ospiti: la scelta a zona di Petrelli e la regia di capitan Mazzella che organizza il gioco in campo ed esplode con tiri perfetti.

venerdì 1 ottobre 2010

FERMO/ PMIMARCHE: A KABUL S’AFFETTA FERMANO NONOSTANTE TUTTO


(PRESSOFF.INFO) FERMO – “Il Made in Italy, quello vero e quello di qualità, è più forte anche della guerra in Afhanistan”. Lo afferma Domenico Fratoni (nella foto), presidente di PmiMarche, la sigla che racchiude PmiFermo, e che a sua volta s’identifica a livello nazionale in PmItalia. “Una nostra azienda – spiega Fratoni –, la Swedlinghaus di Grottazzolina, ci ha comunicato di aver portato a termine una importante vendita a Kabul in Afghanistan. La notizia, almeno per una piccola e media impresa come quelle che rappresentiamo, costituisce sicuramente un evento eccezionale al quale abbiamo voluto dar risalto, convinti anche che attraverso questi eventi si riesce a traghettare quella civiltà internazionale che non può non essere foriera di pace anche in quei territori”.
“Il contatto col cliente – prosegue Fratoni -, secondo quando ci ha riferito Davide Longo, uno dei titolari della società di Grottazzolina, e' avvenuto attraverso il sito web della ditta. La richiesta iniziale rivolta alla Swedlinghaus è stata quella di spiegare le proprie intenzioni lavorative e quindi cercare un partner italiano affidabile sulle attrezzature per la ristorazione in genere. Il cliente, proprietario di un importante show-room a Kabul, oltre ad esporre i nostri prodotti voleva anche spiegare le varie funzioni dei tanti articoli che intendeva ordinare. In brevissimo tempo è arrivato l’ordine ed in qualche giorno la Swedlinghaus ha evaso le decine di macchinari di diverso tipo. Tutto è stato spedito via aereo perché la problematica principale e che nessun corriere va in Afghanistan via terra. L’Ufficio estero della Swedlinghaus ha dovuto così cercare un volo economico per accontentare questo cliente che è andato direttamente all'aeroporto per il ritiro della merce. Via terra continua ad essere troppo pericoloso per beni che arrivano dall'esterno”.
“Per soddisfare al massimo questo cliente – conclude Fratoni – Longo mi ha riferito pure di aver preparato un video apposito dove vengono spiegate le macchine e soprattutto il luogo di utilizzo in modo che lui possa fare una buona comunicazione professionale ai suoi clienti. Auesto video sarà visibile su uno schermo gigante fuori dal suo show room su una strada principale di Kabul”.

venerdì 24 settembre 2010

ASCOLI PICENO / TUTTO ESAURITO AL CORSO PER BADANTI DELLA MISERICORDIA


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 25 SET. – Nonostante il numero massimo dei partecipanti era di ben 40, di richieste di adesione al corso per badanti organizzato dalla Confraternita di Misericordia di Ascoli ne sono arriva ben oltre il doppio. Un numero così grande di richieste che ha superato ogni più rosea previsione dell’Associazione e che ha ingenerato anche un vivo entusiasmo nei docenti. “Così tante richieste – ha affermato Ignazio Buonopane, che della Misericordia ascolana è il segretario generale – se da un lato ci hanno gratificato in merito alla bontà della nostra iniziativa, purtroppo dall’altro sono un chiaro sintomo della grande domanda di attenzione sul sociale soprattutto per una delle fasce più deboli della popolazione come quella degli anziani. Un dato molto significativo, ancora in ambito sociale, è che circa il 60% dei partecipanti sono uomini e donne di nazionalità italiana che vedono in questo corso anche una professionalità professionale che magari qualche anno fa nemmeno prendevano in considerazione”.
Sotto la direzione didattica della dottoressa Donatella Petritola, neurologa assistente presso la Clinica San Giuseppe, il corso, che ha sede presso l'Aula magna dell'Ospedale di Ascoli, è tenuto da valenti insegnanti, come il dottor Mario Pedrazzoli, direttore della centrale operativa provinciale di Ascoli e Fermo nonché del 118, la dottoressa Rosanna Vagnoni, psicologa e psicoterapeuta, la dottoressa Elisa Albertini, infermiera professionale presso l'Adi di Ascoli Piceno. “Quello delle badanti – ancora Buonopane – è un problema molto sentito ad Ascoli e le esigenze di assistenza agli anziani è molto alta. Come già preannunciato all'inizio dell'anno questo settore sarà quello che vedrà la nostra associazione molto impegnata e disponibile. Riteniamo che ci sia una grande assenza delle istituzioni pubbliche, in particolari quelle comunali e provinciali, ma anche un’enorme mancanza di conoscenza delle vere e reali
necessità degli anziani. Non vogliamo e non possiamo sostituirci alle competenze dei pubblici amministratori, ma non ci stancheremo di denunciare la loro assenza e ignoranza, sollecitandoli ai loro doveri istituzionali. Non è più ammissibile che certe associazioni continuino a fare orecchie da mercante di fronte alla richiesta d’aiuto dei cittadini e di associazioni come la nostra che li rappresentano e che non cercano un aiuto economico ma magari solo di carattere logistico e assistenziale”. Per informazioni e prenotazioni per il prossimo corso è necessario rivolgersi presso la Confraternita di Misericordia ad Ascoli in via dei Girasoli 1 o ai numeri di telefono 0736.556194 e 3331262864.

mercoledì 8 settembre 2010

ASCOLI PICENO / A SCUOLA DI BADANTE DALLA MISERICORDIA


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 08 SET. – La domanda di assistenza e cura domiciliare rivolta in particolar modo alle persone anziane sta aumentando sempre più negli ultimi anni, anche ad Ascoli e nei comuni della cintura Picena, mettendo a dura prova, in talune occasioni, le famiglie. Un dato di fatto che ha spinto la Confraternita di Misericordia di Ascoli ad organizzare un specifico corso per badanti. Il corso che prenderà il via il prossimo 17 settembre presso l’Aula magna dell’Ospedale Mazzoni di Ascoli. sarà presieduto e diretto dalla dottoressa Donatella Petritola, neurologa assistente presso la Clinica San Giuseppe. Gli istruttori sono di assoluto rilievo, a partire dal dottor Mario Pedrazzoli, direttore del 118 di Ascoli, fino ad arrivare alla dottoressa Rossana Vagnoni, psicoterapeuta, passando per la dottoressa Elisa Albertini, infermiera professionale Adi. “Il corso – spiega Ignazio Buonopane che della Misericordia ascolana è il segretario generale – è diretto alla popolazione che si è avviata o vorrà avviarsi alla professione di badante. Lo scopo principale è quello di fornire a chi partecipa le competenze utili a migliorare la qualità del lavoro di assistenza agli anziani. Vogliamo formare una figura in grado di soddisfare i bisogni delle persone anziane assistite, che conosca le principali norme igienico sanitarie anche relative alla cura degli ambienti in cui si lavora (pulizia e riassetto della casa, lavaggio della biancheria, riordino dei materiali utilizzati in cucina), che sia in grado di preparare pasti equilibrati e di sbrigare eventualmente le pratiche burocratiche con cui normalmente una badante si trova a che fare: uffici postali , banche, farmacie, rapporti con le Ausl e altro”. Tra gli argomenti trattati nel corso vi sono: elementi di primo soccorso, psicologia dell’anziano, patologia dell’anziano, alimentazione e dietetica, igiene dell’ambiente e della persona, sociologia, deontologia professionale e parte pratica. “Nei comuni e province più virtuose d’Italia – aggiunge Buonopane –, questo genere di corsi, che è anche rivolto a persone immigrate, ormai sono addirittura organizzati in collaborazione con gli Enti proprio per la sua grande rilevanza a carattere sociale. L'attività di cura a domicilio delle cosiddette badanti prevede, infatti, un contatto diretto e continuo con la persona anziana, con le sue necessità, con le sue aspettative e il raccordo costante con i familiari della persona assistita”. Il livello d’ingresso prevede un ottima conoscenza della lingua italiana la Cittadinanza Cee, oltre che l’essere in regola con i documenti di soggiorno. Dieci sono le lezioni previste dal corso, ogni martedì e venerdì dalle 19 alle 21. Il costo del corso, che prevede anche un rilascio di un attestato di frequenza, è di 60 euro ed il numero massimo dei partecipanti è 40. Considerate le numerose richieste d’adesione già pervenute, per gli interessati è consigliato affrettarsi ad iscriversi. “Le famiglie e le persone che stanno cercando una badante – conclude Buonopane - potranno avere anche attraverso la Confraternita di Misericordia di Ascoli la possibilità di individuare gratuitamente la figura più adatta alle proprie esigenze”. Per informazioni e prenotazioni è necessario rivolgersi presso la Confraternita di Misericordia ad Ascoli in via dei Girasoli 1 o ai numeri di telefono 0736.556194 e 3331262864.

mercoledì 1 settembre 2010

ASCOLI/ LIBERAL: “PER L’ARENGO TALUNE SCUOLE DI DANZA SONO PIU’ UGUALI”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 01 SET. – “Tutte le scuole di danza sono uguali; Talune sono più uguali. Scomodando ed adattando il celebre adagio di Gorge Orwell in “La Fattoria degli Animali”, si potrebbe sintetizzare così la Delibera della Giunta del Comune di Ascoli, guidata dal sindaco Guido Castelli, riguardo alla concessione gratuita del Teatro comunale Ventidio Basso solo a talune scuole di danza”. Lo rende noto Ettore Zaccaro, coordinatore comunale di Liberal, il movimento che insieme all’Udc ed alla Rosa Bianca ed altri, darà vita al nuovo Partito della Nazione. “Oggetto della delibera – spiega l’esponente del Movimento che fa capo all’onorevole Ferdinando Adornato - è l’“autorizzazione al dirigente del servizio Ventidio a sottoscrivere convenzione con talune scuole di danza”. A beneficiare della struttura per il saggio di fine corso e per le prove saranno nello specifico le scuole di Centro Studi Danza Classica; Associazione Centro Danza Caterina Ricci, Associazione Danza Ascoli, Jardin de la Dance, Danza Bios ASD; Steps Art; Arabesque ed Arte della Danza. Le intese per addivenire a questa delibera che ha dato luogo ad un vera e propria convenzione tra le Scuole ed il Dirigente dell’Arengo deputato, sono intercorse tra l’Assessore alla Cultura, Davide Aliberti, e l’Associazione Danza per Sognare e l’Associazione Scuole di Danza, oltre a talune scuole di danza operanti nel territorio comunale”. “Addirittura – prosegue Zaccaro - la Giunta, quasi per farsi compensare della gentile concessione “obbliga” ciascuna Scuola ad effettuare due spettacoli “secondo le disposizioni all’uopo emanate dall’Assessore alla Cultura” ma i cui costi per l’installazione del palcoscenico, della Siae, della pubblicità e della biglietteria, se ed in quanto necessari, saranno a carico dell’Amministrazione Comunale. Praticamente per compensare la concessione gratis del Ventidio per Saggi e prove la Giunta obbliga taluna Scuola a riutilizzare ancora più gratis (ovvero senza i costi d’installazione del palcoscenico, della Siae, della pubblicità e della biglietteria) il Teatro purché ciò avvenga secondo le disposizioni dell’Assessore. Gli unici costi da sostenere per l’utilizzo del Massimo cittadino da parte delle Scuole è quello della necessaria squadra dei Vigili del Fuoco, della cooperativa Piramide, che espleta il servizio di assistenza durante gli spettacoli, i costi dovuti per la Siae, quelli dovuti sia all’esercente l’attività di Biglietteria del Teatro, sia alla ditta che gestisce gli impianti di scena per l’eccedenza rispetto al servizio dalla ditta medesima espletato in ragione del rapporto convenzionale in atto con il teatro. Aldilà dell’intesa tra l’Assessore e l’Associazione Danza per Sognare unitamente all’Associazione Marchigiana Scuole di Danza alle scuole di Danza operanti nel territorio comunale, unico presupposto di questa iniziativa che comporterà un lucro cessante all’Amministrazione di qualche migliaio di euro, è l’inclusione nell’ambito del progetto denominato Danza in Palcoscenico presso il Teatro Ventidio Basso”. “Questa concessione gratuita – conclude il coordinatore di Liberal - di certo apre un precedente importante per gli intendimenti che la Giunta Castelli sembra perseguire nella gestione delle strutture comunali. D’ora in avanti, infatti, le varie Associazioni senza profitto operanti sul territorio comunale dovrebbero, quantomeno per par condicio, vedersi accolte tutte le loro richieste di utilizzo di strutture dell’Arengo, purché, si basi bene, garantiscano di utilizzarle almeno un’altra volta ma secondo le prescrizioni dell’Assessorato. Associazioni ascolane questa è davvero un occasione da non perdere”.

mercoledì 25 agosto 2010

FOLIGNANO/ DAL 6 SETTEMBRE RIPARTONO I CORSI DI MINIBASKET AL PALAROZZI


(PRESSOFF.INFO) FOLIGNANO/ AP, 26 AGO. – Da lunedì 6 settembre ripartono a grande richiesta i corsi di minibasket dell’Associazione sportiva dilettantistica di Folignano, presieduta da Raffaela De Pergola. I corsi si terranno come la scorsa stagione presso il PalaRozzi ogni lunedì dalle 17 alle 18.30 ed ogni venerdì dalle 16.30 alle 18. A potersi partecipare sono tutti i nati e le nate fino all’anno 2005. “Al Folignano Basket – afferma la Presidentessa -, nonostante fosse stata presentata una richiesta per un aumento del 25% degli spazi in considerazione del consistente aumento dell’attività svolta, l’Amministrazione comunale ha solo confermato gli stessi spazi della scorsa stagione”. “L’attività della nostra Associazione – informa Maurizio Caponi, che del team è il direttore tecnico, oltre ad essere un ben noto allenatore di basket con una grande esperienza di vivai e settori giovanile tra Marche ed Abruzzo e questa stagione sarà in C Nazionale alla guida tecnica dell’Ascoli Towers – sarà organizzata e svolta sul campo da un team di collaboratori tecnici altamente qualificati e coordinati dall’istruttore della Federazione Italiana Pallacanestro, Francesco Petrelli, che, nelle sua qualifica di Allenatore, quest’anno sarà anche commissario tecnico della Cestistica Ascoli in C regionale, ovvero il massimo campionato delle Marche”. “A sostenere il nostro progetto sportivo – ha affermato la De Pergola - che punta sopratutto al sociale, visiti gli eccellenti risultati della scorsa stagione, c’è ancora un importante Associazione di categoria per la piccola e media impresa, PmiMarche, che nella persona del direttore generale Andrea Calvaresi e del presidente Domenico Fratoni hanno confermato anche per questa stagione un programma di sviluppo promozionale per tutti i giovani figli di lavoratori dipendenti ed autonomi: soli 10 euro di rimborsi spese al mese ed iscrizione una tantum (ovvero una sola volta nella vita!) di 40 euro, con avviamento all’attività sportiva totalmente gratuito”. “L’Asd Folignano Basket – ha concluso la Presidentessa – è anche affiliata al Centro Sportivo Italiano che garantisce alla sottoscrizione della tessera anche la copertura assicurativo per l’attività svolta dai giovani”. Per informazioni ed iscrizioni ci si può rivolgere fin da subito a Francesco al telefono 333.5413490 o tramite email all’indirizzo folignanobasket@tiscali.it, ma si può anche consultare il sito internet http://folignanobasket.blogspot.com/ o su Facebook cercando FolignanoBasket.

FERMO/ GIROLA: AL VIA LA SAGRA DELLA POLENTA A MARCHIO REGISTRATO


(PRESSOFF.INFO) FERMO, 25 AGO. –– Di feste per celebrare le specialità gastronomiche del Fermano ormai in tutto il territorio se ne realizzano di tutti i colori e per i palati più disparati, ma l’unica sagra a “marchio registrato” è e rimane quella della Polenta al forno farcita in contrada Girola di Fermo. Questa sempre più rinomata sagra, che lo scorso anno superò ampiamente le 3000 polente servite, aprirà i battenti, con l’apertura degli stand venerdì 3 settembre, anche se da lunedì 30 agosto prenderanno il via gli incontri religiosi in onore del Sacro Cuore di Gesù per il quale i festeggiamenti hanno luogo ogni anno. A darne notizia è il vicepresidente dell’associazione organizzatrice, Girola Viva, il noto imprenditore Primo Rogante: “E’ trascorso un altro anno, ancora un anno di cambiamenti, innovazioni, discussioni, ma siamo di nuovo pronti ad accogliere alla nostra Sagra della polenta al forno farcita a marchio registrato ancora più ospiti dell’edizione 2009. Provenendo, infatti, da diversi anni di crescendo di numeri, sentiamo il dovere di migliorare e perfezionarsi senza però perdere lo stile davvero “casareccio” che ci contraddistingue”. La festa si svolge fino a domenica 5 settembre. Per il programma religioso oltre agli incontri religiosi, giovedì 3 settembre alle 20.45 la processione consacrerà l’inizio dei festeggiamenti per non dimenticare che lo spirito con cui si svolge l’intera manifestazione è sostenuto dall’ideale religioso sotto la protezione del quale poniamo noi stessi e la buona riuscita dell’evento. A riguardo mi preme sottolineare come il nostro presidente Luigi Mezzabotta e l’associazione tutta ritiene che tutte le sagre dovrebbero tornare alla loro vera origine, ovvero quella di festeggiamenti legati a contesti religiosi, come avviene nel nostro caso. Ciò non solo per una questione di fede ma anche per dare certezza che i proventi raccolti vengano effettivamente impiegati per cause nobili ovviamente fatte salve le spese che sono tutt’altro che poche. Questo della sagra legata al contesto religioso potrebbe essere un criterio che le Amministrazioni potrebbero seguire per regolamentare una realtà ormai fin troppo dilagante. Realtà che una volta regolamentata e definita potrebbe anche attrarre equi finanziamenti vista l’alta valenza turistica ormai comprovata. Ritornando al programma. Sabato 4 settembre sarà la volta della Messa Vespertina alle ore 18.30 ed infine domenica 5 settembre alle ore 10,15 la Santa Messa con la partecipazione del Coro parrocchiale ed alle 18 altra Santa Messa che chiuderà spiritualmente i festeggiamenti. Altrettanto sostanzioso è il programma civile dei festeggiamenti che ruotano attorno alla Sagra. Ufficialmente il primo appuntamento sarà giovedì 2 settembre alle ore 21.30 con la commedia dialettale in 3 atti “Amami Alfredo” dell’Associazione “Amici del Teatro Fermano”. Venerdì alle ore 19 comincerà la Sagra vera e propria che per la prima sera sarà allietata dall’orchestra “La Via Giusta”. Sabato, che rappresenta un po’ la giornata di punta, alle 14 scatterà l’ora della Gara di bocce in ferro su campo libero, alle 14.30 le finali della quattordicesima edizione dei giochi popolari, alle 19 ovviamente l’apertura degli stand ed alle 21.30 tutti a ballare con l’orchestra spettacolo Atos Donini. Domenica gran finale con l’orchestra spettacolo “Simone Live Band”, con apertura stand sempre alle 19. “Sperando in una affluenza numerosa – ha concluso Rogante - e nella buona riuscita della festa, diamo orgogliosamente l’appuntamento a tutti in contrada Girola”.

martedì 24 agosto 2010

ASCOLI/ LIBERAL: “GIOVANI SPORTIVI TRA SIRINGHE, ERBACCE E RIFIUTI SPECIALI”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 25 AGO. – “Errare è umano, perseverare è diabolico. Difficile arrivare ad una diversa conclusione, dopo aver preso visione delle condizioni di grave e preoccupante incuria, in cui si trova, anche quest’anno, uno dei luoghi che decine e decine di giovani della nostra città frequentano giornalmente: la Palestra polisportiva di Via Gaetano Spalvieri, cosiddetta Palabasket. Il viale antistante è, infatti, disseminato di siringhe abbandonate da tossicodipendenti, il verde circostante è nel più totale abbandono e dietro a qualche cespuglio fa capolino anche una mini discarica (nelle foto)”. Lo afferma Ettore Zaccaro (nella foto), coordinatore di Liberal ad Ascoli. Liberal, che fa capo all’onorevole Adornato, insieme all’Udc, alla Rosa Bianca ed alle decine di movimenti politici, nonché migliaia di singoli, è un movimento in cammino “Verso il Partito della Nazione”. “A sottoporci questo caso di evidente sciatteria – spiega Zaccaro – sono stati diversi genitori, che in questi gironi stanno accompagnando i propri figli alla ripresa delle discipline sportive dopo la pausa estiva. La cosa più allarmante è ovviamente la presenza delle siringhe, anche se il livello di degrado in cui si trova la struttura è davvero tutto inquietante. Dirigenti ed istruttori, ma anche gli stessi ragazzi ed i loro genitori, hanno rilevato come anche lo scorso anno, dopo la chiusura ferragostana, la palestra verteva in pessime condizioni anche al suo interno. Gli spogliatoi, nonostante l’Amministrazione comunale già guidata lo scorso anno dal sindaco Guido Castelli, si fosse impegnata a migliorare la situazione, vertono ancora in condizioni al limite della praticabilità e dell’igiene. Nemmeno l’annoso problema delle infiltrazioni di acqua piovana dal tetto è stato sanato adeguatamente e tra poco più di un mese quella palestra sarà sede di un massimo campionato regionale ed un campionato nazionale di basket”. “In nome e per conto di Liberal e di tutti gli utenti del cosiddetto Palabasket – conclude Zaccaro – invitiamo l’Amministrazione comunale a provvedere, innanzitutto, a far rimuovere le siringhe e quindi a fare il necessario sia per la rimozione dei rifiuti che per la cura del verde. Altra esortazione che rivolgiamo all’Assessorato di competenza è quella di provvedere alla sistemazione degli spogliatoi, se non altro per rispetto delle squadre ospiti, che non osiamo pensare che idea potranno continuare a farsi di certa impiantistica sportiva dell’Arengo. Al sindaco Castelli, invece, redattore dell’ordinanza che ha accuratamente indicato i vari obblighi dei cittadini e le relative sanzioni per le erbacce, suggeriamo di auto-infliggersi una doppia ammenda di 500 euro: una per questa nuova vergogna e l’altra per le condizioni da foresta amazzonica del viale, che dalla Circonvallazione conduce al Cimitero, sulle quali sembra fare ancora orecchie da mercante nonostante le nostre segnalazioni”.

martedì 10 agosto 2010

ASCOLI/ LIBERAL: “ERBACCE, SINDACO CASTELLI PREDICA BENE E RAZZOLA MALE”



(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 10 AGO. – “Sulle erbacce il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, predica bene, ma razzola male. Non si spiega altrimenti perché, nonostante abbia disposto una rigida ordinanza sulle aree verdi private, su numerose aree comunali erbacce, rifiuti e quant’altro la fanno da padroni. Un caso esemplare (nelle foto) è quello del marciapiede della via, che dalla Circonvallazione conduce al Cimitero di Borgo Solestà”. Lo afferma Ettore Zaccaro (nella foto), recentemente nominato coordinatore di Liberal ad Ascoli, su incarico del responsabile regionale, Vittorio Santori, previa indicazione del suo vice, Massimiliano Gula. Liberal, che fa capo all’onorevole Ferdinando Adornato, insieme all’Udc, alla Rosa Bianca ed alle decine di movimenti politici, nonché migliaia di singoli, è un movimento in cammino “Verso il Partito della Nazione”. Zaccaro, già maresciallo dell’Esercito, attualmente in pensione, è impegnato nel Volontariato con la Confraternita delle Misericordie di Ascoli, di cui è vice governatore. “Le condizioni di abbandono – spiega Zaccaro – in cui si trova quel marciapiede sono vergognose. Le piante hanno totalmente infestato il marciapiede ed hanno cominciato ad insidiare anche la sede stradale. L’erba è cresciuta addirittura tra il cemento, a dimostrazione che si tratta di una sciatteria non certo dell’ultima ora. La cosa ancor più grave dell’incuria è che, quello è un marciapiede di particolare importanza, perché a percorrerlo quotidianamente dovrebbero essere le centinaia di ascolani, tra cui molti anziani e bambini, che si recano a far visita ai loro cari estinti”. “A nome di Liberal e di tutti gli utenti di quella strada – conclude Zaccaro – chiediamo che l’Amministrazione comunale provveda immediatamente a rimuovere quelle erbe infestanti, preoccupandosi altresì di ripristinare in condizioni ottimali sia il marciapiede che l’area contigua, la quale, più che verde pubblico, è una vera e propria savana. Al sindaco Castelli, invece, che nella sua ordinanza ha accuratamente indicato i vari obblighi dei cittadini e le relative sanzioni, suggeriamo di auto-infliggersi un'ammenda di 500 euro, visto che per le spese di pulizia e messa in ripristino provvederemo, volenti o nolenti, noi cittadini”.

lunedì 2 agosto 2010

ASCOLI P./ ROUND TABLE, ARMELLINI È IL NUOVO PRESIDENTE


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 03 AGO. – Il nuovo presidente della Round Table 27 di Ascoli Piceno è un manager. Risponde al nome di Fabio Armellini. La sua è stata un elezione ad unanimità da parte di tutti i soci dell’esclusivo club ascolano. La vicepresidenza è finita nelle mani dell’industriale Matteo Meletti, le mansioni di tesoriere saranno svolte dal giornalista Renato Pierantozzi e quelle di Iro, ovvero quelle di chi è deputato a curare i rapporti con le altre Tavole italiane ed estere, dal professionista Francesco Petrelli. Consigliere del Presidente sarò il Past Presidente di Quarta Zona della Round Table Italia, l’industriale Angelo Davide Galeati. La segreteria infine per scelta di Armellini condivisa dall’intero Consiglio direttivo sarà curata dall’impresario edile Luca Vallorani. A augurare bene a questo nuovo Direttivo del club è stato il Past President, l’immobiliarista Marco Bernardo. “Gli obiettivi di quest'anno – ha affermato Armellini - saranno la continuità e la concretezza: la continuità nello sviluppo e nel rinnovamento della Tavola e la concretezza nei progetti. Scopi chiari, misurabili, raggiungibili con responsabilità e tempistiche definite. Ripristineremo le attività di service e punteremo ad aumentare la visibilità della nostra Associazione sia nel nostro territorio, inserendo nuovi tabler, sia nell’ambito della Round Table Italia ed International. Quest’anno cade anche il Trentesimo anniversario del Club e lo festeggeremo con tutti gli onori del caso. A tal fine assegnerò della precise deleghe: degli eventi si occuperà Vallorani, della comunicazione sarà responsabile Petrelli, le finanze saranno materia di competenza di Pierantozzi”.

lunedì 19 luglio 2010

ASCOLI P./ CICCANTI: “COMUNE, SCELTE URBANISTICHE SBAGLIATE”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 20 LUG. – “In merito alle delibere approvate dal Consiglio comunale del 14 u. s., intendo esprimere la mia più ferma contrarietà, in quanto prive di una visione urbanistica a favore della cittadinanza”. Lo afferma Amedeo Ciccanti, Deputato dell’Unione di Centro nonché Consigliere comunale ad Ascoli. L’onorevole dell’Udc le analizza una ad una.
“Primo – spiega Ciccanti - è un errore il mutamento a terziario commerciale dell’immobile ex Mc Donald’s a Monticelli, per insediarci una nuova banca a pochi metri da un’altra. Quell’immobile fu realizzato per volere dell’ex Sindaco Celani (senza la mia condivisione), togliendo al quartiere una porzione di verde pubblico. La soluzione passò perché la destinazione a Mc Donald’s avrebbe costituito un centro di richiamo per i giovani, che a Monticelli ci poteva pure stare. Adesso però andava mantenuta una destinazione sociale e non lucrativa. Un grosso errore, senza alcun “ascolto” dei residenti”. “Altro errore – l’Onorevole passa all’esame della seconda delibera - è cedere a privati, in concessione di lavori, il “mercato coperto di via Recanati”, per ristrutturarlo ed ampliarlo con caratteristiche di centro commerciale. Tale mercato, come ho sempre sostenuto, doveva essere demolito e trasferito nella vicina area libera adiacente a via Recanati. Tale manufatto si sarebbe dovuto demolire ed al suo posto realizzare una piazza od un giardino pubblico, che potesse ridare aria e spazio libero a tutti quegli edifici ad alta densità abitativa che gli stanno intorno. Il nuovo centro commerciale, così come previsto, sarà un ingombro ed un fastidio per tutti i residenti – sia per i parcheggi che per il traffico indotto – e renderà la vita impossibile ai residenti. La soluzione di un piccolo palazzetto commerciale nell’area libera adiacente a via Recanati avrebbe reso, invece, un servizio commerciale al quartiere, a costo zero, con la conseguente realizzazione di un’area per il tempo libero, che attualmente non c’è”. “I parcheggi in via Colombo – arriva al terzo ed ultimo punto Ciccanti - sono un disastro progettuale! Non nego la necessità di andare avanti, dal momento che i lavori sono fermi a metà strada; ma possibile che non ci sia mai un responsabile dei danni arrecati al danaro pubblico? La domanda non è campata in aria: ci troviamo di fronte a vistosi errori progettuali od alla “presenza di eventi inerenti alla natura ed alla specificità dei beni (….) e rinvenimenti imprevisti o non prevedibili nella fase progettuale?”. Nel primo caso ci ritroveremmo con una perizia suppletiva che lascia i lavori all’impresa appaltatrice (cosiddetto “quinto d’obbligo”); nel secondo caso, invece, non ci sarebbero limiti al suo importo, che ammonta a 250.000 euro. Siccome il Comune sostiene di trovarsi in tale seconda situazione, avremmo un affidamento dei lavori a trattativa privata su un appalto che raddoppia il suo importo e senza alcuna gara. C’è davvero un ascolano disposto a credere che dietro al Tribunale non fosse prevedibile una zona archeologica e che quindi fosse imprevedibile che dei pali di profondità la interessassero? Tutti sanno che dietro al Tribunale ci sono alcune “domus” romane ricoperte; lo sanno anche coloro che vengono da Offida! Un’altra considerazione. Si ha la fondata certezza che, oltre ai 40 già previsti, questi ulteriori 30 posti macchina, pagati con il pubblico danaro, vadano ad ampliare l’area di pertinenza dei posti a pagamento per la Saba. Posto che ancora non si riesce a sapere la consistenza del debito del Comune verso la Saba, perché non si dà corso alla revisione della convenzione con la stessa, scaduta già da tre anni? Perché non si fa, come a Roma, un’unica zona blu con esenzione dal pagamento dei residenti?”. “Cose semplici – conclude l’esponente dell’Udc -, che risolverebbero molti problemi, che diventano complesse per chi non ha attitudini al governo”.

lunedì 12 luglio 2010

CUPRA MARITTIMA/ ROUND TABLE 27, SABATO IL NOME DEL NUOVO PRESIDENTE


(PRESSOFF.INFO) CUPRAMARITTIMA/ AP, 13 LUG. – Sarà lo chalet Alta Marea sul Lungomare Romita la riservata sede del rituale passaggio del collare della Round Table 27, l’esclusivo service club dedicato a giovani lavoratori, professionisti, dirigenti, uomini d'affari e di cultura del Piceno che cercano di svolgere al meglio le rispettive attività. L’atteso appuntamento avrà luogo questo sabato 17 luglio con inizio alle ore 20.30. Oltre a tutti i soci del Club numero 27 che procederanno all’individuazione del nuovo presidente che succederà all’immobiliarista Marco Bernardo, saranno presenti ospiti appartenenti ai vari club della Quarta Zona, il distretto di cui la Rt27 fa parte. Il direttivo uscente è composto da Angelo Davide Galeati, imprenditore al vertice del noto caseificio industriale Sabelli, il manager Fabio Armellini, dirigenti d’azienda quali Giovanni Rossi, Francesco Romoli e Fausto Minervini, l’imprenditore Matteo Meletti, membro anche del consiglio direttivo della Cassa di Risparmio di Ascoli, il costruttore Luca Vallorani, il giornalista e docente, Renato Pierantozzi, l’imprenditore Carlo Di Teodoro, il giornalista e consulente commerciale Francesco Petrelli. Attesi alla serata sono anche i Membri d’onore a vita di questo club, ovvero Diego Giacoboni, Alessandro Michelangeli Prosperi e Paolo Santaniello. “La Round Table –illustra il presidente uscente, Bernardo - si propone di promuovere l'amicizia tra i propri membri e, soprattutto, iniziative al servizio della collettività, differenziandosi da altre analoghe organizzazioni per il fattore dell'età, in quanto si perde il diritto di appartenervi al raggiungimento del quarantesimo anno d'età: è, quindi, un club di giovani e per i giovani e il motto “Adopt, Adapt, lmprove” (adottare, adattare e migliorare) coglie appieno lo spirito dell’associazione, i cui membri si impegnano e si adoperano in prima persona in ogni iniziativa, cercando costantemente di far tesoro dell’esperienze del passato e di migliorare la propria attività per il presente e il futuro. L’associazione, le cui origini risalgono al 1926 in Inghilterra, è ora presente in oltre 60 nazioni. In Italia si è sviluppata dal 1958 ed esistono a oggi sul territorio nazionale oltre 60 club detti “Tavole”. Ognuna è composta da almeno dieci membri detti “tablers” fino a un massimo di quaranta, dei quali non più di due possono esercitare la stessa professione. L’ambito dell’attività di servizio, scelta annualmente, si svolge a livello nazionale e locale. Tra le molteplici opere di beneficenza, si possono ricordare: la costruzione di una Scuola Elementare ad Amaro, paese del Friuli colpito dal terremoto del 1976, la realizzazione e promozione della linea telefonica nazionale "S.O.S. Infanzia - Telefono Azzurro", la divulgazione e promozione della "Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia", approvata dall'Assemblea Generale dell’Onu nel 1989, attività per cui la Round Table Italia è stata nominata Ambasciatrice Unicef, l'appoggio ed il sostegno a favore dell'Associazione Internazionale per le Cardiopatie Infantili, l'appoggio ed il sostegno a favore dell'A.I.L - Associazione Italiana Leucemie”.

mercoledì 7 luglio 2010

CALCIO/ ARBITRI: L’ASCOLANO D’ANGELO PROMOSSO TRA I PROFESSIONISTI


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO/ AP, 07 LUG. –– Un ascolano che si sta facendo velocemente largo nel grande mondo del calcio è Stefano D’Angelo. Il giovane arbitro ascolano, infatti nei giorni scorsi, è stato promosso alla dalla categoria Can D alla Can Pro, categoria in cui potrà essere designato sia per le gare di Prima e Seconda divisione della Lega Professionisti, ovvero le ex C1 e C2, che per il campionato Primavera, nonché come Quarto Uomo nel campionato di serie B. L’organo tecnico che lo ha promosso e quindi è stato il suo designatore è stato l’ex arbitro internazionale Stefano Farina. D’Angelo appartiene alla gloriosa sezione arbitrale di Ascoli che negli anni ha espresso sempre importanti direttori di gara di altissima livello. Attualmente la sezione è presieduta da Ugo Galanti, che è successo ad Alessandro Sciamanna. D’Angelo è nato il 26 dicembre del 1981 ad Ascoli ove vive (in frazione Poggio di Bretta alla quale è particolarmente affezionato) ove lavora nell'azienda di famiglia specializzata nella produzione di serramenti in alluminio ferro e pvc. I familiari, mamma Enrica, papà Agostino, il fratello minore Andrea, la nonna Emma e la fidanzata Federica sono ovviamente i suoi primi sfegatati ammiratori. “Da bambino – raccontano i suoi familiari - ha giocato a calcio nel settore giovanile della Pro Calcio Ascoli, poi resosi conto che il mio futuro da calciatore era poco credibile, sotto la spinta di un suo amico arbitro, Daniele, s’iscrisse al Corso arbitro della Sezione di Ascoli e sotto la guida di Nivolo Cremona, responsabile Corsi arbitri e vicepresidente della Sezione nel dicembre del 1997 diventò arbitro effettivo sotto la presidenza di Virgilio Damiani”. “La prima gara arbitrata risale – proseguono – al gennaio del 97 al Campo Squarcia (Cartiera – Offida 2 a 4 categoria Giovanissimi). Dopo tre anni di gare in ambito provinciale venne promosso al Cra (Comitato Arbitri Regionali) ed in pochi anni fece gli esordi in Seconda Categoria, in Promozione ed in Eccellenza. Nel 2005 venne promosso nella categoria Scambi, categoria che permette di arbitrare gare di Eccellenza in altre regioni d'Italia e nella stessa stagione arriva anche l'esordio in serie D a Villasor in sardegna nella gara Atletico Cagliari – Renate. Nella stagione successiva fu promosso in serie D dove ha arbitrato per quatto stagioni inclusa quella appena conclusasi”. In Serie D D’Angelo ha arbitrato ben 68 gare ed in questa ultima stagione ha diretto tutte gare di alto coefficiente di difficoltà come i derby Mazara - Trapani, Bojano - Campobasso, Agnone - Trivento, Sant'Antonio Abate - Pianura, oltre ad aver fischiato in piazze blasonate come Pisa, Messina, Avellino e Venezia. Oltre a i complimenti a D’Angelo non resta che fare gli in bocca al lupo per una stagione, la prossima, che lo possa ancora di più mettere in luce con la speranza di vederlo presto sui campi della massima serie e magari anche in competizioni internazionali. I Mondiali? Non poniamo limiti alla Provvidenza!

lunedì 5 luglio 2010

ASCOLI P./ CORRADETTI, UDC: EX-SGL, UNA RIPARTENZA PIENA DI COMPLESSITA’

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 07 LUG. – L'idea era in gestazione da anni, ma la passione del presidente di Confindustria della provincia di Ascoli, Bruno Bucciarelli, con il coinvolgimento di una classe imprenditoriale orgogliosa di essere Picena (Restart), è riuscita a far scoccare la scintilla della prima azione concreta verso la riqualificazione e re-industrializzazione dell'ex-Sgl Carbon. L'idea è ambiziosa e lungimirante. Consente, seppure con le complessità che l'operazione presenta, di sognare in un rilancio dell'economia Picena puntando, con il Polo tecnologico e scientifico, sulla valorizzazione della ricerca d'avanguardia in grado di poter creare nuove opportunità occupazionali.Tuttavia coraggio, passione ed orgoglio non sono sufficienti per realizzare quello che potrebbe essere un sogno collettivo Piceno. Le complessità ci sono: i tempi lunghi della burocrazia per la definizione della bonifica e per la Variante al Prg, che potrebbero far attenuare quell'entusiasmo, che muove positivamente questo progetto; le necessità d’integrarlo al tessuto urbanistico della città ed alla sua viabilità; la necessità di dover mettere insieme, in maniera equilibrata, interessi (pubblici e privati) normalmente in antitesi tra loro, affinché nessuno prevalga sull'altro. Importante e necessario sarà il coinvolgimento nelle scelte delle istituzioni, dei cittadini e delle associazioni. Insomma che sia nella e per la Città di Ascoli, ma anche per i Piceni: equilibrato e condiviso. Credo nel progetto e nella virtuosità che lo anima e che sia una vera ripartenza, Restart, appunto.

domenica 4 luglio 2010

ASCOLI P./ UDC: FERMI DAL 2003 CIRCA 2 MILIONI E MEZZO DI EURO PER L’AUDITORIUM


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 05 LUG. – “Finalmente dopo undici lunghi anni il Comune di Ascoli ha utilizzato i fondi regionali per il Polo universitario, acquistando l’ex ospedale Mazzoni. Quei fondi furono procurati a quel tempo dall’On. Amedeo Ciccanti, per mezzo di una mozione approvata in Consiglio Regionale nel 1999. Ci rammarichiamo per l’atteggiamento dell’allora sindaco Piero Celani, che per logiche personali, aveva tenuto fermo il progetto per ben undici anni, dimezzando così il valore dell’investimento e ritardando il decollo universitario”. Lo afferma Maria Provvidenza Silvano, segretaria provinciale dei Giovani dell’Unione di Centro. “Va riconosciuta – prosegue la Silvano - all’attuale sindaco di Ascoli, Guido Castelli, la volontà di adottare provvedimenti in opposizione al suo predecessore. Ci auguriamo di veder presto realizzato il Polo Universitario per il bene della nostra città e di tutti i giovani. Investire sulla formazione nel Piceno è diventato prioritario non solo per superare l’attuale crisi ma per rilanciare il nostro territorio, così come ha annunciato nella sua intervista contro i tagli, il rettore dell’Università Politecnica delle Marche, Marco Pacetti. Con l’occasione vogliamo ricordare e sollecitare il sindaco Castelli che dal 2003 sono disponibili presso il Ministro Tremonti altri due milioni e mezzo procurati dall’On.Ciccanti per realizzare un auditorium per l’università di circa 400 posti, che l’ex Sindaco Celani non ha mai speso e che saranno ora da spendere prima che vengano revocati”. “Vogliamo sottolineare – conclude la rappresentate dei Giovani Udc - quello che il nostro partito ha fatto per i giovani e l’università di Ascoli in questi ultimi 10 anni senza però avere la collaborazione delle forze politiche e di governo locale. I soldi ci sono, mancano le decisioni per spenderli”.

sabato 3 luglio 2010

ASCOLI PICENO/ L’ORDINE DI MALTA HA INCONTRATO FLAVIO FALZETTI


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 03 LUG. – La toccante testimonianza di Flavio Falzetti, tornato al calcio dopo 35 cicli di chemioterapia e che da undici anni si batte contro un linfoma, la Bestia, come la chiama lui, ha caratterizzato l’ultima cena di beneficenza della Delegazione di Ascoli Piceno e Fermo dell’Ordine di Malta. Al banchetto, durante il quale Falzetti ha presentato anche il suo libro testimonianza, “Oltre il 90°”, è intervenuto S.E. Monsignor Silvano Montevecchi, Vescovo di Ascoli Piceno e Cappellano Gran Croce Conventuale ad honorem dell’Ordine. Presenti alla serata molti Confratelli e Consorelle della Delegazione di Ascoli Piceno e Fermo guidata dal Nobiluomo, Andrea Nannerini, Marchese di Nannarini, Patrizio di Fermo e Cavaliere di Grazia e Devozione. Per quanto riguarda le Autorità hanno partecipato sia il presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Piero Celani, che il suo vice, Pasqualino Piunti, oltre diversi altri Assessori e Consiglieri sia provinciali che dei comuni limitrofi a Cupra Marittima. “Nel libro –ha affermato Falzetti, riscotendo la solidarietà di tutti in primis di S.E. Montececchi - voglio solamente descrivere cosa ho provato per 7 lunghissimi anni a convivere con il cancro e quanto sia importante e prezioso rimanere attaccati alla vita. Condizione essenziale e necessaria per tentare di sconfiggere una cosi tenibile malattia. Intendo dare una speranza a tutte le persone che stanno combattendo il cancro. Avuta la certezza del male che mi aveva colpito ho vissuto momenti di vero sconforto ma non mi sono mai arreso. Ho sempre creduto che un giorno o l'altro avrei avuto la meglio nei confronti della "bestia”. Le cure sono importanti, è vero, ma è anche fondamentale avere un animo "guerriero". Perchè deve essere la mente, e non l'inverso, a dominare la malattia. Forte di questa convinzione posso dire che sono stato io a rincorrerla per poi renderla innocua. Ogni giorno mi sono detto che per la malattia era stato un errore entrare nel mio organismo, che aveva sbagliato soggetto. Nonostante la gravità del male che avevo in corpo ho voluto essere sempre attivo praticando l'allenamento fisico. Mantenendomi a strettissimo contatto con la vita di tutti i giorni, con l'ambiente che mi circondava, frequentando amici e persone senza mai vergognarmi per quanto mi stava accadendo. La malattia umilia in certe situazioni. Ti cadono i capelli, appari emaciato, stanco, pallido, ti senti inferiore a tutti gli altri. Ho subito e superato questo stato di forte disagio. Sono sempre uscito di casa, ho condotto una vita normale, ho fatto e praticato le stesse ed identiche cose che facevo quando stavo bene senza mai isolarmi. Quanti momenti difficili ho passato. Tante le ricadute ma ogni volta con orgoglio e volontà mi sono rialzato ed alla fine la mia testardaggine dopo 7 lunghissimi anni mi ha permesso di venirne fuori pur sé tuttavia ogni 6 mesi devo sottopormi a cicli di terapia. Questo però non mi ha impedito di allenarmi, di praticare il mio sport preferito (il calcio) a livello agonistico. Ho giocato prima scampoli di partita per poi essere impiegato per tutti i 90' regolamentari. La mia forte fibra e la mia professione (calciatore) mi hanno insegnato a combattere anche in stato di assoluta inferiorità ed il duro allenamento mi è stato di grandissimo aiuto nel contrastare giorno dopo giorno il cancro ed a rendenni consapevole che la forza mentale in questi casi disperati molto spesso gioca un molo di vitale importanza. Ora posso ben dire esistono due Flavio FaIzetti: uno pre cancro e l'altro figlio della fase successiva”.

ASCOLI P./ UDC: TAGLIO TREDICESIME POLIZIOTTI, CASTELLI PRENDA POSIZIONE

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 03 LUG. – “Con le stesse “idee molto chiare” con cui sostenne il protocollo sulle ronde, oggi rivelatesi molta propaganda e poca sostanza, non possiamo che aspettarci che il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, contrasti sin da subito, senza se e senza ma, la sconcertante iniziativa dell’eventuale taglio delle tredicesime ai poliziotti nella manovra, giacché “prevenire tempestivamente tutto ciò che alla lunga potrebbe compromettere la serenità delle nostre famiglie e della nostra comunità” è una sua priorità, almeno sulla carta”. A chiederlo è l’esponente dell’Udc, Francesco Petrelli, membro del comitato provinciale del partito di Casini.“Lo scorso 11 febbraio 2010 – afferma Petrelli - alla sottoscrizione presso il Ministero degli Interni del Protocollo per l’attivazione del progetto “Mille occhi sulle città”, quello delle ronde, per intendersi, c’era in prima fila anche il sindaco Castelli, in veste di membro del direttivo nazionale dell’Associazione Comuni d’Italia. Nell’occasione Castelli annunciò alla stampa che anche ad Ascoli si sarebbero “tempestivamente” sviluppati “i principi contenuti nel protocollo allo scopo di contrastare il degrado urbano e prevenire possibili forme di devianza”, pur essendo “Ascoli ancora un’isola felice sotto il profilo della sicurezza”. L’Udc dal canto suo non esitò altrettanto a definire il provvedimento molta propaganda e poca sostanza: c’era un balletto cinico e spregiudicato su un tema delicato, si eccitavano gli animi e si esasperavano le paure. Le ronde erano e rimangono una questione inaccettabile, dimostravano l’abdicazione dello Stato che sembrava fare ai cittadini un discorso: non riusciamo a difendervi con le armi della legalità, difendetevi da soli e fate meno danni possibile. Le ronde non erano una soluzione, erano uno stato d’animo regolamentato”. “Oggi comunque delle ronde – ancora l’esponente dell’Udc - non c’è più traccia, tanto meno ad Ascoli. In compenso arriva la sconvolgente notizia dei tagli alle tredicesime delle Forze dell'Ordine. Speriamo solo che l’emendamento che prevede il taglio, assieme a quelle di molte altre categorie, sia solo un nuovo clamoroso refuso di questa maggioranza sulla manovra. Sarebbe gravissimo colpire il simbolo della legalità e della sicurezza nel nostro Paese, già vessato da una situazione in cui è contingentata persino la benzina per le auto di pattuglia. Chi e’ incaricato di garantire la sicurezza dei cittadini ha già subito troppe umiliazioni negli ultimi anni”. “Ma se questa fosse davvero la volontà del Governo – conclude Petrelli -, ci aspetteremmo un forte e deciso dissenso anche dal sindaco Castelli, benché in questo caso di propaganda ce ne sia poca e sostanza molta. Lo Stato e le Istituzioni locali devono governare, non possono eccitare gli animi, non possono dimenticare qual è il loro compito. Non devono essere né cattivi né buoni. Devono essere giusti, includenti verso quegli immigrati disperati ma non criminali, perché senza di loro parti del nostro Paese si fermerebbero”.

S.BENEDETTO / PORTO D’ASCOLI S’ACCENDE CON I FLAMBEE DEL PROFESSOR PARRINELLO


(PRESSOFF.INFO) SAN BENEDETTO DEL TRONTO/ AP, 03 LUG. –– A Porto d’Ascoli, presso il Pink Panther american-bar gelateria, una serata a tema con degustazione di dessert alla fiamma ha riscosso un successo inaspettato. A preparare i meticolosi entremets, si è esibito uno dei più noti ed affermati professionisti maitre dell’Amira, nonché fiduciario regionale della Fib, la Federazione italiana barman), il professor Augusto Parrinello. Il Docente, che insegna anche presso l’Istituto Alberghiero, con sapiente maestria ha realizzato ed illustrato ai numerosi presenti il modo e l’arte di preparare i deliziosi dolci flambee, classici di una ristorazione internazionale di un certo livello. Affiancato da due suoi assistenti, Andrea Di Silvestro e la graziosa Emilia Proietti, la serata ha avuto una bellissima riuscita. Molto gradevole anche la scenografia con il calore della fiamma che ha conferito all’ambiente un senso di amenità. Sponsor della serata è stata l’ azienda “La Golosa” di Montelparo, che con le sue polpe di frutta ha ultimato in maniera eccellente i dolci presentati. Alla serata era presente anche una troupe di Sky ed Rtm-Tva. La serata fa parte di una serie di eventi programmati che avranno come location altri importanti locali della Riviera.

venerdì 2 luglio 2010

CONSORZIO DI BONIFICA PICENO/ UDC: SI ANNULLINO PER QUANTO POSSIBILE LE CARTELLE

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 02 LUG. – Che un Ente, il Consorzio di Bonifica, sia in difficoltà, può anche accadere, ma che quest'Ente si svegli dopo diversi anni di quasi completa inattività e riscopra la sua potenzialità istituzionale ricordandosi dei cittadini, possidenti anche di modestissime proprietà terriere, non per dare un servizio al cittadino, ma solo perché deve ripianare un disavanzo finanziario nel bilancio consuntivo del 2003, è contro qualsiasi logica. Per di più in questo momento di crisi in cui i cittadini non possono vedersi scaricati addosso ogni volta tutti gli oneri conseguenti a gestioni amministrative disastrose”. Ad affermarlo è Sergio Corradetti, segretario provinciale dell’Udc, Unione di Centro.“Ad aggravare ancora di più la vicenda – spiega Corradetti - c’è anche il fatto che molte cartelle recapitate sono state semplicemente spedite per posta senza una corretta procedura di notifica. Molte cartelle sono state anche inviate a persone che non sono più proprietarie dei terreni tassati o a persone addirittura decedute. Si tratta di un’azione di recupero viziata da troppe irregolarità formali e sostanziali. Sembra piuttosto “un tentativo di recupero” a danno dell'ingenuità dei cittadini, che molte volte, per non avere problemi dicono “meglio pagare”: costa, infatti, di meno pagare 17 euro (o poco più) che fare ricorso (solo la marca da bollo costa € 14,62). E' ora però di finirla con questi metodi: il cittadino deve pagare si, ma solo quello che gli compete e per i servizi di cui usufruisce realmente”. “Consigliamo al Commissario del Consorzio di Bonifica – conclude il Segretario provinciale dell’Udc - di annullare, almeno per quello che ora (a scadenza avvenuta) si può, questa operazione di recupero: di farla eventualmente solo per crediti non prescritti, verso le persone cioè che sono titolari di proprietà e nel rispetto delle procedure di notifica degli atti. Diversamente davvero il Commissario rischierebbe di veder sommerso il suo Ufficio di ricorsi in Commissione tributaria e d’istanze di auto-tutela, con il rischio, perfino, di dover pagare di più di quello che pensa di incassare. La nostra, si badi però, non è istigazione ad evadere, ma una decisa pretesa di chiarezza”.

giovedì 24 giugno 2010

PICENO/ VENAROTTA, CACCIATORI ED AGRICOLTORI A BRACCETTO


(PRESSOFF.INFO) VENAROTTA/ AP, 24 GIU –– Di un’iniziativa particolarmente originale si è resa protagonista nei giorni scorsi la squadra di caccia al cinghiale La Cerretese della frazione Olibra di Venarotta. La squadra a seguito di più d’una richiesta d’aiuto degli agricoltori locali, in particolare quelli più anziani, ha prestato la propria opera per delimitare con recinti elettrificati a norma forniti dall’Atc, l’Ambito Territoriale di Caccia della provincia di Ascoli, i campi di orzo e mais altrimenti meta abituale di scorribande degli ungulati. Uno dei primi agricoltori ad aver beneficiato dell’aiuto de La Cerretese, la squadra composta principalmente da cacciatori di Venarotta ed Ascoli e presieduta da Ermanno Camaioni, è stato l’agricoltore Francesco Di Marco di Roccafluvione. La Cerretese lo scorso anno, infatti, agiva nella zona in deroga di Olibra, Gimigliano, Mozzano ed arrivava anche a Roccafluvione. Da sottolineare è sicuramente la positiva collaborazione tra cacciatori ed agricoltori che rinsalda anche le buone direttive della Provincia di Ascoli, che lo scorso anno concesse in deroga ai cacciatori quelle zone agricole ove si erano verificati più danni alle colture.

lunedì 21 giugno 2010

ASCOLI P./ LA SOLIDARIETA’ DELLA MISERICORDIA PUNTA SULLO SPORT

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 21 GIU. – Sport e solidarietà è da sempre un connubio vincente. Protagonista di questo connubio stavolta è stata la Misericordia di Ascoli, che particolarmente attenta alle necessità di solidarietà, nell’intento di cominciare a divulgare il nuovo progetto sul trasporto anziani “Trasporto Amico”, ha partecipato sia al torneo di calcio a 5 “Memorial Tonino Carino” presso il Mondial Village, che alla Cronoscalata in salita San Marco - San Giacomo, con il noto pilota Alessandro Gabrielli al volante di un Audi A4. Al torneo di calcioa 5 i Gialloazzurri della Misericordia si sono presentati con una squadra formata esclusivamente da volontari e simpatizzanti dell’Associazione. Gli atleti si sono tutti auto-tassati per l’iscrizione ed in caso di vincita i premi saranno destinati al progetto “Trasporto Amico”. Per quanto riguarda la Cronoscalata il pilota ascolano Gabrielli aveva sulla macchina il logo della Misericordia e ha partecipato alla raccolta di fondi per il progetto dell’Associazione. Gabrielli è padre di 3 splendidi bambini, sempre sensibile alle esigenze di chi è in difficoltà, ha già partecipato ad iniziative di solidarietà, ed ultimamente è stato anche il portacolori della Lega del Filo d’Oro. Come pilota ha messo a disposizione la sua competenza ed anche qualche ora di volontariato. “Siamo fieri dei nostri volontari – ha affermato Ignazio Buonopane Ignazio, segretario generale dell’Associazione -, che hanno sempre un’idea in più per cercare di dare una mano, proprio comìè nello spirito della Confraternita delle Misericordie d’Italia”.

lunedì 14 giugno 2010

ASCOLANO/ MUSICA: ESCE IL PRIMO ALBUM NAZIONALE DI PETRUCCI


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 15 GIU – Sulla scia di artisti come Renga, Nek, Cremonini, Piero Pelù o per far nomi ancor più altisonanti, Robbie Williams e Michael Jackson in questi giorni il giovane cantante ascolano Andrea Petrucci ha pubblicato a livello nazionale il suo album d’esordio. Prodotto da Edizioni Moletto di Giovanni Poggio e distribuito dalla Edel, tra le più importanti case discografiche sul panorama nazionale, il primo prodotto discografico dell’emergente ascolano prende il nome da se stesso, Andrea Petrucci. Tredici sono le tracce contenute tutte pop rock, sebbene con varie musicalità. Prende così il volo il sogno artistico di Andrea giovane promessa del pop italico. “Sono partito per Milano con lo zaino in spalla e la voglia di seguire la mia passione - spiega Petrucci – folgorato a sette anni sulla via dei Queen, di cui possiede una mastodontica collezione di cimeli”. L’anno 2006 è cruciale per la sua carriera: forte dei consigli dell’amico bassista Saturnino e con la determinazione di raggiungere il suo sogno di diventare cantante, prepara le valigie e parte per Milano. Nonostante gli inizi nella grande metropoli non siano semplici e richiedano grandi sacrifici, Andrea riesce a stabilirsi definitivamente a Milano ed entra in contatto con uno dei migliori insegnanti del settore: Dino Brentali. Studia privatamente le tecniche del canto dello Speech Level Singing per poi riprendere ad esibirsi con alcune band locali che gli danno l’occasione di ampliare il proprio repertorio spaziando tra diversi generi musicali, dal pop rock al prog rock/metal al new metal. Il resto è storia nota. “Sono stati mesi duri – aggiunge Andrea -, dormivo in pensioni di quart’ordine ed ogni giorno, immerso nel caos, bussavo alle porte dei discografici per consegnare il mio piccolo demo. Finchè dopo un anno arriva la chiamata di Carlo Gargioni , gia al fianco di Tom Jones, Eros Ramazzotti, Angelo Branduardi , Ornella Vanoni, Alexia, Rosanna Casale, Concato, per quello che diventa l’incontro della svolta. Carlo s’innamorò della mia timbrica ed insieme avviamo una bella collaborazione finalizzata al lancio di un paio di singoli in radio. Per me è stato un punto di riferimento , umano e professionale , purtroppo però una leucemia fulminante se lo portò via a soli 45 anni. Andrea però non è uno che si da per vinto. Ed oggi eccolo di nuovo pronto al grande salto grazie ad un album, un fan club popolarissimo su facebook sempre in crescita ed un brano di punta basato su di una passione tutta particolare: “Il brano Non siamo soli nell’universo – dice Andrea - parla del mio rapporto particolare con la vita extraterrestre e l’ufologia. “Non siamo soli nell'universo” ipotizza la vita in altri pianeti parlando di fratellanza cosmica e dei segnali che riceviamo quotidianamente dalle civiltà extraterrestri. E' un brano fresco, giovane, rock, una timbrica unica, una potenza vocale straordinaria. Questo brano trasmette davvero vibrazioni stellari. Ma siamo veramente soli nell'universo? L'artista ci fa riflettere su questo tema: pensare di essere i soli a popolare l'intero cosmo non è forse troppo presuntuoso e limitante? Altri singoli importanti dell’album sono: la ballad “Nelle mani degli Dei”, intimo e personale; “Il mio dentista”, ironico , dove spiccano le capacità vocali di Petrucci; “Niente cambierà”, un pop fresco ed orecchiabile; “Con te un mondo migliore”, brano ispirato dall’ultimo messaggio di Papa Wojtyla verso i giovani.