Google+ Followers

domenica 10 ottobre 2010

PICENO/ LA CESTISTICA ASCOLI ESPUGNA SAN BENEDETTO NEL DERBY


ASCOLI PICENO – Se lo aggiudica per 81 a 75 la Cestistica Ascoli del patron Rocco Fazzini il primo derby con il San Benedetto valido per il massimo campionato regionale di basket maschile. Il merito degli ascolani guidato dal coach Francesco Petrelli è stato quello di sorprendere i padroni di casa con un cambio di difesa negli ultimi minuti di gioco, dopo aver condotto per oltre tre quarti l’incontro ed aver accusato un calo di concentrazione dovuto ad una panchina rimaneggiata. Oltre ai due giovanissimi under Alessandro Fazzini e Stefano Bernardini in panchina sedevano gli infortunati Gerardo Nanni (arrivato già infortunato), Giuseppe Monachese (contrazione muscolare dopo nemmeno un minuto di gioco) ed il generoso ex di turno, Carlo Grossi, che, dopo pochi minuti di gioco, ha ricevuto una testata, sicuramente involontaria, che gli ha cagionato ben 5 punti di sutura. Il quintetto così per i 40 minuti è stato formato sopratutto dal capitano Eduardo Mazzella (nella foto, autore di 28 punti), Simone Negrini (10), Fabrizio Di Sivestro (15), Marco Mattei (12) e Ramon Ad dazi Gouveia (12).
La gara per il dinamismo, l'agonismo e la sportività espressi dagli atleti è stato molto bella. La Cestistica ha guidato quasi tutta la gara con anche 15 punti di margine A 2.40 minuti dal termine il grande agonismo dei locali, iniziato dopo l’intervallo, ha permesso il sorpasso del +4. Il coach ascolano Petrelli, considerata anche la stanchezza del quintetto, ha risposto con una zona adattata, che ha trovato impreparata la Samb. La Cestistica ha così trovato la forza per reagire riportandosi anche avanti con una tripla fondamentale di Mazzella. A 18’’ dal termine, la Cestistica viaggia a + 4. La Samb usufruisce di una concessione di 3 tiri liberi: dentro i primi 2, fuori il terzo con tentativo di tiro al ferro per poter realizzare altri due punti. I 4 lunghi della Cestistica arpionano rimbalzo e nell’azione successiva aumentano il bottino di altri due punti per la vittoria finale del +6. La Samb ha cercato di contenere gli ascolani e di far valere la buona prestazione di Recchiuti (17) e di Dohaz (19), portando 9 giocatori su 10 a canestro. Per l'Ascoli, tolti i 4 punti di Grossi, ben 77 punti sono stati realizzati dal quintetto che ha giocato l'intera gara. Nel primo quarto le difese di entrambe le squadre sono a larghe maglie. La Cestistica arriva anche a +8, ma la Samb produce un recupero finale e conclude sul +2 per la Cestistica. Prima dell'inizio del secondo quarto il coach Petrelli ed il capitano Mazzella correggono gli errori difensivi. Si torna in campo e gli ascolani mettono in pratica la lezione. Si va al riposo col punteggio di 35 a 48 a favore degli ascolani. Doppo l’intervallo il coach Romano risveglia il carattere dei suoi, mentre Petrelli gli ricorda il secondo tempo delle prima gara ad Urbania, dove la Cestistica avanti di +14, è tornata in campo troppo distratta, regalando poi la vittoria. La Samb entra concentrata e decisa. Parte all'attacco e trova in Torrieri e Dohar i pilastri di un forte recupero. Coach Petrelli cerca di utilizzate i time out per spezzare il gioco e far respirare il quintetto. Recupero finale della Cestistica che conclude il quarto mantenendo un +8. Nell’ultima tempo la Samb accelera, grazie anche ai continui cambi del coach Romano. Le distanze si avvicinano. Recchiuti e Dohaz suonano la carica. I Rivieraschi rimontano e arrivano al sorpasso. Due fattori determinano l'incontro a favore degli ospiti: la scelta a zona di Petrelli e la regia di capitan Mazzella che organizza il gioco in campo ed esplode con tiri perfetti.

Nessun commento: