Google+ Followers

venerdì 1 ottobre 2010

FERMO/ PMIMARCHE: A KABUL S’AFFETTA FERMANO NONOSTANTE TUTTO


(PRESSOFF.INFO) FERMO – “Il Made in Italy, quello vero e quello di qualità, è più forte anche della guerra in Afhanistan”. Lo afferma Domenico Fratoni (nella foto), presidente di PmiMarche, la sigla che racchiude PmiFermo, e che a sua volta s’identifica a livello nazionale in PmItalia. “Una nostra azienda – spiega Fratoni –, la Swedlinghaus di Grottazzolina, ci ha comunicato di aver portato a termine una importante vendita a Kabul in Afghanistan. La notizia, almeno per una piccola e media impresa come quelle che rappresentiamo, costituisce sicuramente un evento eccezionale al quale abbiamo voluto dar risalto, convinti anche che attraverso questi eventi si riesce a traghettare quella civiltà internazionale che non può non essere foriera di pace anche in quei territori”.
“Il contatto col cliente – prosegue Fratoni -, secondo quando ci ha riferito Davide Longo, uno dei titolari della società di Grottazzolina, e' avvenuto attraverso il sito web della ditta. La richiesta iniziale rivolta alla Swedlinghaus è stata quella di spiegare le proprie intenzioni lavorative e quindi cercare un partner italiano affidabile sulle attrezzature per la ristorazione in genere. Il cliente, proprietario di un importante show-room a Kabul, oltre ad esporre i nostri prodotti voleva anche spiegare le varie funzioni dei tanti articoli che intendeva ordinare. In brevissimo tempo è arrivato l’ordine ed in qualche giorno la Swedlinghaus ha evaso le decine di macchinari di diverso tipo. Tutto è stato spedito via aereo perché la problematica principale e che nessun corriere va in Afghanistan via terra. L’Ufficio estero della Swedlinghaus ha dovuto così cercare un volo economico per accontentare questo cliente che è andato direttamente all'aeroporto per il ritiro della merce. Via terra continua ad essere troppo pericoloso per beni che arrivano dall'esterno”.
“Per soddisfare al massimo questo cliente – conclude Fratoni – Longo mi ha riferito pure di aver preparato un video apposito dove vengono spiegate le macchine e soprattutto il luogo di utilizzo in modo che lui possa fare una buona comunicazione professionale ai suoi clienti. Auesto video sarà visibile su uno schermo gigante fuori dal suo show room su una strada principale di Kabul”.

Nessun commento: