Google+ Followers

mercoledì 28 dicembre 2011

ASCOLI P./ PETRELLI, UDC: ANCHE CASTELLI VIETI BOTTI DI FINE ANNO


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 28 DIC. –  Basta anche ad Ascoli con i fuochi d'artificio di fine anno. Lo chiede Francesco Petrelli, coordinatore comunale dell’Udc , al sindaco Guido Castelli di vietarli con un ordinanza. “Non si tratta solo di una pericolosa usanza, che ogni anno provoca centinaia di feriti, anche gravi, ma anche di una sorta di moda - spiega Petrelli - che, al di là degli incidenti, costituisce comunque un problema serio per la salute, in particolare per bambini, anziani ed animali”. “Tutti i botti – continua Petrelli – sono pericolosi, non solo quelli illegali, ma anche quelli legali usati correttamente. Al di là degli incidenti provocati da un uso improprio dei fuochi d'artificio, infatti, anche quelli perfettamente esplosi, senza inconvenienti, provocano un pericoloso aumento delle polveri sottili come ha denunciato in questi giorni il Codacons. La conseguenza è che il primo dell'anno nelle città si supera il limite di legge di 50 microgrammi al metro cubo fissato per il PM10, con un valore, a seconda della città, da doppio a triplo rispetto alla media del periodo. Ricordiamo che per ogni aumento di 10 microgrammi di polveri sottili concentrate nell'aria, cresce del 3% il rischio di problemi respiratori tipici dei bambini”.Ciò significa - continua l’esponente dell’Unione di Centro - che se si arriva a cento microgrammi il rischio aumenta del 20%. A correre i maggiori rischi per la salute sono bambini, anziani, asmatici, chi soffre di patologie respiratorie e tutti quelli che hanno patologie correlabili all'inquinamento. Inoltre è accertato che i botti fatti scoppiare in prossimità di un cane o di un altro animale domestico, producono danni irreversibili che vanno dalla morte (spesso per la paura si buttano dai balconi) allo spavento, dalla follia ai danni all'udito. È bene sapere che in questi casi trova applicazione il nuovo articolo del codice penale sul reato di maltrattamenti degli animali. Una ragione in più perché siano vietati”. “Se Castelli proprio non vuole prendere esempio dalle ordinanze di divieto – conclude Petrelli – di molti suoi colleghi, o meglio ancora dal più ampio regolamento del Comune di Torino, almeno faccia come il sindaco di Calalzo in provincia di Belluno, che ha pensato di normare il tempo per il lancio di botti e fuochi artificiali a Capodanno: dalle 23.45 del 31 dicembre alle 00.45 dell'1 gennaio 2012, lasso di tempo del tutto sufficiente a festeggiare, e nel contempo utile a rispettare, sia i residenti che non vogliono rumori assordanti per tutta la notte, sia gli animali. Il timer per i botti di fine anno potrebbero rappresentare anche un ottima soluzione per regolamentare anche gli spettacoli pirotecnici delle varie feste patronali, in primis lo sparo Sant’emidio, e di quelli privati”.

martedì 15 novembre 2011

PICENO/ LA SICCITA' NON HA RISPARMIATO NEMMENO LOLIVA.


ASCOLI – La siccità non ha risparmiato nemmeno l’oliva. Come per l’uva, il frutto è minore e quel che c’è è asciutto. C’è anche la mosca, ma solo sui frutti più vicini alla costa. La qualità è comunque buona ed i prezzi non dovrebbero risentire più di tanto della situazione almeno all’inizio.
Franco Albertini dell’oleificio Silvestri Rosina in via Schiavoni a Spinetoli è stato tra i primi in assoluto a cominciare la molitura: “Abbiamo iniziato il 3 ottobre, una settimana in anticipo rispetto al 2010 perché il frutto è asciutto e v’è quindi il rischio che cada. Nonostante la resa sarà maggiore perché l’acino contiene poca acqua, la produzione rischia di essere addirittura dimezzata perché l’oliva è anche poca. Una situazione che per fortuna non dovrebbe ripercuotersi più di tanto sul prezzo che rimarrà stazionario pure per la crisi dei consumi in Italia. Una congiuntura negativa che ha spinto la nostra azienda ad intensificare il mercato estero che curiamo da 5 anni. Attualmente il 60% lo esportiamo in Germania, Slovacchia, Russia, Svizzera, Belgio, Austria e Francia, ma soprattutto in Cina. Per la cura dei mercati esteri abbiamo ricevuto un premio speciale al concorso Oro delle Marche”. Per Emidio Fratoni a Brecciarolo di Ascoli Piceno: “Il raccolto rispetto al 2010 è un 25 per cento in meno per la siccità. La stessa che nelle zone verso il mare ha favorito l’attacco del frutto da parte dei parassiti. Ciononostante il prodotto di olive raccolte all’interno sarà di alta qualità come lo scorso anno. Ad essere bassa è la resa, quindi vi sarà in generale meno prodotto, che selezioneremo come al solito con molta cura. Apparirà strano, ma ciò non dovrebbe influire più di tanto sul prezzo per la sleale concorrenza degli oli industriali, i cui margini sono ben diversi dai nostri. Ad influire sulla diversità c’è quella carenza di controlli che avvantaggia spudoratamente chi si propone al mercato con un olio, che faccio davvero fatica a definire extra vergine, a meno di 3 euro al litro, bottiglia inclusa!”. Che della cosiddetta mosca nell’entroterra non v’è traccia, lo conferma Pietro Lupi, dell’omonimo oleificio a Venarotta: “La maturazione nelle zone interne è in ritardo rispetto alla costa, ma della mosca non v’è traccia. Il frutto anche all’interno è però più asciutto e la minor quantità potrebbe influire sul prezzo, di sicuro però si ripartirà da quelli dello scorso anno”. “Anche se noi siamo in controtendenza – afferma Giuseppina Ubaldi dell’oleificio Stipa Felice , in viale Rimembranze ad Appignano del Tronto -, perché quest’anno dalle nostre piante abbiamo più oliva dello scorso anno, il frutto in circolazione è poco e, purtroppo, renderà anche poco. Si rischia che la produzione sia dimezzata rispetto al 2010. La qualità comunque sarà discreta ed i prezzi dovrebbero rimanere stabili almeno inizialmente, ovvero tra i 6 ed i 7 euro, quindi per chi deve comprare l’olio conviene sbrigarsi”. Per il professor Adamo Castelli, dell’oleificio Cartofaro a Campolungo: “È una campagna olearia a macchie di leopardo. Ci sono zone dove c’è tanto prodotto ed altre dove non ce n’è nemmeno la metà dello scorso anno. Il frutto è mediamente bello e la resa specifica in olio è anche maggiore del passato, pur essendo un oliva asciutta. A cambiare sensibilmente saranno le profumazioni”. Infine Elena Agostni dell’oleificio Agostini a Ripaberarda di Castignano: “D’olio quest’anno ce ne sarà molto meno perché meno è l’oliva. La qualità sarà alta, soprattutto riguardo a quella dei prodotti industriali venduti nei circuiti dei supermercati. Il prezzo ripartirà da quello dello scorso anno”. Oleifici protagonisti di questa campagna olearia saranno come tradizione anche quelli di Vincenzo Petrelli a Pagliare del Tronto e della famiglia Angelini ad Ascoli.

sabato 13 agosto 2011

ASCOLI PICENO/ PETRELLI, UDC: BENE TRAVANTI SUL RANDAGISMO

ASCOLI PICENO, 13 AGO. – “Chi non ama gli animali non può nemmeno amare gli uomini. Ben vengano le iniziative per sostenere la solidarietà con gli animali, cominciando dalla lotta al randagismo. Bene sta facendo l’assessore all’ambiente del Comune di Ascoli, Claudio Sesto Travanti, nel promuovere una campagna di sensibilizzazione al problema degli animali domestici che sono stati abbandonati o smarriti dal proprio padrone. La speranza è che per Travanti, di cui almeno è indubbia la passione cinofila, non si tratti solo di un semplice palliativo alle, peraltro condivise, critiche rivoltegli dagli animalisti e del Partito Democratico in occasione del recente evento Wild Ascoli”. Ad affermarlo è il coordinatore comunale dell’Unione di Centro, Francesco Petrelli. “Con l’avvio di questa campagna contro il randagismo – aggiunge Petrelli dell’Udc – l’auspicio è che l’Amministrazione comunale riesca anche a dare piena attuazione a quelli che sono i propri compiti in materia: dall’attuazione di piani di controllo delle nascite di cani e di gatti, il risanamento dei canili comunali e la costruzione di rifugi per cani; la gestione dei canili e gattili direttamente o tramite convenzioni con associazioni animaliste e zoofile o con soggetti privati; l’organizzazione, congiuntamente alla Asl, di percorsi formativi per i proprietari di cani con conseguente rilascio di “patentino”, anche in collaborazione con gli ordini professionali dei medici veterinari, le facoltà di medicina veterinaria, le associazioni veterinarie, quelle di protezione degli animali e gli educatori cinofili; l’individuazione, in collaborazione con i servizi veterinari, dei proprietari di cani soggetti all’obbligo di svolgimento dei percorsi formativi; Identificazione e registrazione in anagrafe canina, tramite il Servizio Veterinario pubblico, dei cani rinvenuti sul territorio e di quelli ospitati nei rifugi e nelle strutture di ricovero convenzionate; Dotazione alla Polizia locale, di almeno un dispositivo di lettura di microchip iso-compatibile”.

domenica 12 giugno 2011

JUDO CENTO TORRI ASCOLIP./ GRANDE AFFERMAZIONE DELLA DAMIANI A TORINO



ASCOLI – Grande affermazione dell’atleta del Judo Cento Torri Ascoli Piceno nella finale dei campionati italiani universitari. Marta Damiani nella categoria fino a 78 chilogrammi si è aggiudicata l’argento con grande soddisfazione del suo allenatore e presidente Giuseppe de Berardinis. “La Damiani – ha affermato il presidente del Judo Cento Torri Ascoli Piceno- colonna della nostra associazione nonché studentessa universitaria a Ravenna, nella finale di Torino ha combattuto per il Cus Bologna. La giovane ha vinto il primo incontro al golden score contro Maria Bertola del Cus Parma, il secondo lo ha vinto per ippon di harai goshi contro Natasha Di Fabio del Cus Chieti ed infine nella con Giula Cantoni del Cus Parma si è dovuta attendere per ippon”. “Recentemente – ha concluso Giuseppe de Berardinis – la Damiani vinse a Tolmezzo oltre che nella categoria fino a 78 kg anche in quella Over”. La Damiani è laureanda in Scienze e Tecnologie per la conservazione e restauro dei Beni Culturali presso la sede universitaria di Ravenna è già stata 2 volte terza ai Campionati Italiani Juniores edizione 2003 e 2004, terza alla Coppa Italia 2008 e seconda alla Coppa Italia 2010. Bell’ esempio di dedizione allo studio e alla pratica sportiva.

lunedì 30 maggio 2011

FERMO/ LONGO, PMI: “PRESTO UN CONSORZIO EXPORT PER IL TERRITORIO”


(PRESSOFF.INFO) FERMO, 30 MAG. – “Dopo gli incoraggianti risultati conseguiti dai nostri associati che hanno preso parte alla recente manifestazione fieristica ad Hong Kong, l’Hofex, abbiamo definitivamente maturato la convinzione di dar vita ad un consorzio export per il territorio fermano e regionale”. Ad affermarlo è Davide Longo (nella foto), presidente di PmiFermo e vicepresidente regionale. “La manifestazione di Hong Kong, legata al mondo dell'hotellerie,della ristorazione e del food – sostiene Longo -, ha fatto registrare visitatori da più parti del mondo, gli Usa, tutta l’Asia, la Cina, l’Australia, il Vietnam, tra gli altri. Grande era l’interesse per tutto ciò che rappresentava una novità ed in tal senso il “Made in Italy” anche quello più costoso ha fatto davvero la parte del leone, grazie alla continua evoluzione e la massima attenzione dei suoi prodotti. Tra gli italiani non nascondo che un ruolo importante lo abbiamo svolto noi fermani e marchigiani più in generale. Così al ritorno dopo essermi confrontato con gli altri vertici regionali e provinciali di PmItalia, la nostra associazione capofila, ci siamo decisi a puntare tutto sulla realizzazione di un consorzio che si occupi non solo di promozione ma anche di commercializzazione, in modo da permettere anche alle pmi più piccole di poter ambire a mercati internazionali”. “Attualmente – aggiunge il presidente di PmiFermo – siamo nella fase di studio, per fare in modo che la nostra creatura possa rappresentare uno strumento davvero efficiente per l’impresa e non uno dei tanti carrozzoni più o meno privati che si vedono in circolazione nei circuiti esteri, ma la cui funzionalità spesso lascia a desiderare. Il nostro sarà sicuramente un consorzio aperto, al quale potranno aderire anche altre associazioni, aziende e professionisti non direttamente riconducibili al circuito PmItalia. L’eventuale contributo degli interessati è ben gradito anche in questa prima fase di formazione”. “Siamo certi – conclude Longo – che daremo vita ad una realtà che potrà rappresentare un’importante freccia in più all’arco del territorio, un territorio che ritengo abbia sempre più bisogno di stimoli. A confermarlo anche un episodio occorso direttamente ad una nostra associata in cerca di giovani interessati a fare l’esperienza dello stage. Ebbene nonostante una ricerca capillare di giovani interessati ne ha trovati ben pochi. S’invoca l’occupazione attraverso lo sviluppo ma quando vi sono opportunità in tal senso sembra si preferisca tornare all’antico”.

mercoledì 27 aprile 2011

PALMIANO/ PROLOCO: A SCUOLA DI CUCINA DAGLI CHEF DELLA FEDERCUOCHI


(PRESSOFF.INFO) PALMIANO, 28 APR. – Palmiano si conferma un paese a vocazione gastronomica. Dopo la notorietà raggiunta con le due celebri sagre, quella “de li spirilli di castrata” a fine luglio e quella della patata i primi di settembre, la Pro-loco del più piccolo comune della provincia di Ascoli, organizza un corso di cucina davvero in grande stile. Il presidente della pro-loco, Emidio Massari, infatti, per orchestrare il corso ha raggiunto un importante accordo con la prestigiosa Federcuochi, che, nella persona del presidente provinciale, lo chef Alessandro D’Addazio, ha assicurato al corso anche la presenza del pluridecorato campione internazionale di cucina, Mauro Michetti. Il corso, coordinato da Severina Lupi e diretto addirittura dal primo cittadino di Palmiano, Giuseppe Amici, prenderà il via il prossimo 5 maggio presso la cucina della Pro-loco a Palmiano. Si tratta di un corso di 39 ore che rilascerà degli autorevoli attestati di partecipazione da parte dell’Associazione cuochi di Ascoli. “La prima intensa giornata di lezione – spiega lo chef D’Addazio - è prevista per lo stesso 5 maggio. Si comincerà alle 14.30 con la registrazione dei partecipanti, il saluto delle autorità promotrici, la presentazione delle finalità del corso e la sua introduzione. Nello stesso giorno saranno anche trattate la conoscenza della cucina ed il corretto uso delle tecnologie, la cognizione merceologica, la terminologia, il taglio delle verdure e l’uso dei grassi. La seconda lezione è prevista per il 9 maggio con inizio alle 15 e conclusione prevista per le 20. Un orario che, ad eccezione della serata finale prevista per il 26 maggio che ospiterà anche la premiazione, verrà mantenuto per l’intero arco delle lezioni. Il 9 maggio saranno trattati gli antipasti di carne e pesce, il 12 le paste classiche e ripiene, il 16 i primi di carne e pesce, il 19 i secondi di carne e pesce, oltre ai contorni ed il 23 i dessert. Nella giornata conclusiva, come anticipato, oltre alle premiazioni si terrà l’esame delle procedure e dei metodi operativi appresi. I partecipanti saranno divisi in gruppi ed a ciascuno verrà assegnato un tema d’esame. Dopo lo svolgimento dei lavori, si terrà il servizio alla giuria composta rigorosamente da addetti ai lavori. Il corso si concluderà quindi con la consegna degli attestati di partecipazione”. Le iscrizioni sono aperte a chiunque, professionisti e non, anche provenienti da altre province. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi ai numeri 347.2507090 e 0736252358.

giovedì 14 aprile 2011

ASCOLI/ LIBERAL: “DOPO 5 MESI LA DISCARICA TRA CARTIERA E NOVICO È SEMPRE LÌ”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 15 APR. – “Sono trascorsi cinque mesi e l’ex cartiera ha pure cambiato padrone, ma frigoriferi, computer, monitor, televisori, pneumatici, materassi, e lavandini sono ancora lì. Nonostante la nostra denuncia dello scorso novembre nessuno si è preoccupato di sanare quella discarica a cielo aperto sulla strada che divide l’ex Ahlstrom e la Nevico: la piccola bretella che congiunge Via del Commercio e la Provinciale 88, meglio conosciuta come Strada della Bonifica”. A denunciarlo, ancora una volta, è Liberal, il movimento, guidato dall’avvocato Vittorio Santori, che insieme all’Unione di Centro di Pier Ferdinando Casini ed altri ha dato vita al nuovo Partito della Nazione. “Si tratta di una discarica a cielo aperto a tutti gli effetti, nella quale purtroppo spuntano anche rifiuti speciali come calcinacci e detriti edili di varia natura, scarti vari di materiale elettrico e termosanitario, nonché degli inquietanti cilindri alti circa cinquanta centimetri, composti da indistinto materiale misto a terra. Una delle vie che divide due delle aziende, che per anni sono state indiscussi fiori all’occhiello della nostra zona industriale, è sempre più simile ad un vero e proprio immondezzaio”. “Una situazione di crescente degrado – proseguono gli esponenti di Liberal - che perdura da quasi un anno nell’indifferenza delle Autorità competenti, l’Amministrazione comunale guidata da Guido Castelli, piuttosto che quella provinciale o il Piceno Consid (il cui commissario è lo stesso presidente della Provincia, Piero Celani). Molti di quei rifiuti sono stati avvolti dalla vegetazione. Il punto di maggior desolazione è sicuramente rappresentato da una rientranza che porta ad un accesso secondario della ex Cartiera. Una zona meno in vista che per ovvi motivi si presta particolarmente bene allo scarico selvaggio d’immondizie di ogni genere e volume. L’intera bretella, poi, oltre che dai rifiuti speciali è anche pressoché totalmente invasa da rovi ed erbacce, che costituiscono una sorta di habitat naturale per lo scarico di immondizie addirittura di natura domestica. Tra rifiuti di carattere edile ed industriale, infatti, vi sono pure sacchetti dell’immondizia sparsi qua e là”. “La zona industriale di Ascoli – concludono – purtroppo sul fronte dell’occupazione è già una delle più “deserte” del centro Italia, si eviti almeno che diventi anche una delle più sporche e degradate”.

mercoledì 13 aprile 2011

ASCOLI P./ APRAT: “ACQUASANTA, UNA PIZZA CHE CONQUISTA”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 14 APR. –– Con la “Acquasanta”, dedicata all’omonimo comune termale alle porte di Ascoli, il meccanico con l’hobby della politica e della pizza, Achille Gigliarelli, s’è aggiudicato con la pressoché unanimità dei consensi il primo posto del Corso per pizzaioli organizzato dall’Aprat, l’Associazione Professionisti Ristorazione Alberghiera Turismo & Management di Ascoli presso il ristorante Vanuri in zona industriale Campolungo. Tema del corso, che ha registrato sicuramente un buon livello d’apprendimento da parte dei corsisti, era la “Biopizza”. Docente dei corsi è stato l’eccellente maestro pizzaiolo Amato Laurenzi, con la supervisione ed il coordinamento dei progetti del professor Augusto Parrinello, presidente dell'Aprat, assistito dall’altro maestro pizzaiolo Sandro Ibetti, dal segretario Andrea Di Silvestro, dall’assistente tecnica Emilia Proietti e dal titolare del locale, Giuseppe Rainone. Gli altri corsisti ad aver superato con buonissime valutazioni l’esame sono stati Fabio Abbadini, Michele Benigni, Ada Coccia, Girolamo De Laurentis, Francesco De Vincentis, Stefania Farina, Giuseppe Galoppa, Daniela Petracci, Silvia Scarrozzi, Lucie Zicmundova, Alessandro Zaini Osmani Bujamin ed il già citato Gigliarelli. A giudicare i corsisti è stata una variegata e qualificata giuria composta da Jenny Mercuri, Maria Bragan, Daniele Cuccioloni, l’avvocato Giorgio Re ed Enzo Eleuteri. “Un ringraziamento particolare – afferma Parrinello - l’Aprat lo fa agli sponsor tecnici, ovvero la Viander rappresentata da Saturno Carassai, la molitoria La Certosa di Maltignano, la Sabelli ed il supermercato Luigi Bachetti di Venarotta, specializzato in porchette, salumi e carni di propria produzione”. Per informazioni sulle prossime attività formative e non, è possibile telefonare al numero 338.9330394 oppure allo 0736.258253.

martedì 12 aprile 2011

PICENO/ CORRADETTI, UDC: “BILANCIO, PER CELANI LA FAMIGLIA NON È PRIORITÀ”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 13 APR. – “All’approvazione del bilancio provinciale di previsione del 2010, l’Udc, astenendosi, aveva colto la volontà del presidente Piero Celani di creare davvero un fondo straordinario di solidarietà a favore della famiglia. Oggi, l’Udc vedendosi costretto a ritirare l’emendamento per la costituzione del fondo, non essendo disponibile la copertura finanziaria, ma rilevando solo l’impegno della maggioranza a dare sostegno in futuro ad un eventuale identico ordine del giorno, prende atto amaramente che per l’Amministrazione Celani la famiglia non è assolutamente una priorità, tanto più in un momento di crisi sociale ed istituzionale, come quello attuale”. Ad affermalo è il capogruppo provinciale dell’Unione di Centro, Sergio Corradetti, comentando il proprio voto contrario all’approvazione del bilancio di previsione 2011 della Provincia. “L’Udc – spiega Corradetti -, ritiene necessaria ed utile la previsione di un fondo sia a sostegno delle famiglie con redditi minimi o con presenza di invalidità sia per la creazione di “nuove famiglie. Pur consapevole delle gravi difficoltà economiche della Provincia avevamo riproposto l’emendamento per iniziare un percorso anche minimale. La condivisione dell’emendamento da parte della maggioranza, però, è stata solo teorica”.
“Per Celani – ancora Corradetti - allestire un bilancio e far quadrare un conto economico contenendo i costi di gestione, soprattutto a seguito dei tagli inferti dal “loro” Governo non era certo facile. Le difficoltà di quadratura erano anche conseguenza di rigidezze di bilancio ereditate ma soprattutto seguito della divisione della provincia. Per occupare lo spazio lasciato dai mancati trasferimenti dello Stato quest’Amministrazione non ha esitato ad incrementare la fiscalità territoriale - riattivando una fiscalità latente come le concessioni per attingere a pozzi e fiumi o la pubblicità) – di fatto mettendo le mani nelle tasche dei cittadini in un momento di forte crisi economica che rischia di degenerare in crisi sociale. Le uniche certezze di questo bilancio 2011, infatti, sono i nuovi tagli di risorse per milioni di euro. Anche se per un lungo periodo la Maggioranza ha sostenuto che la crisi o non c’era, o che ne eravamo già fuori, la realtà è drammaticamente ben diversa. Celani oggi “batte cassa” con ogni metodo, autovelox inclusi. L’Ente confida nel mancato rispetto del codice della strada da parte dei cittadini. Ma se i cittadini, anche costretti dai morsi della crisi, riscoprissero il rispetto dei limiti di velocità, come si farebbe quadrare il bilancio? Assolutamente condivisibile è il parere espresso dai revisori dei conti laddove riconoscono l’aleatorietà dei proventi da sanzioni”. “Il piano di investimenti per il rilancio – conclude l’esponente dell’Udc -, purtroppo invece, manifesta mancanze fondamentali nell'occupazione. Auspichiamo allora che almeno possano attivarsi realmente e prontamente i progetti di valorizzazione delle risorse umane ed imprenditoriali con l'utilizzo dei fondi comunitari”.

domenica 3 aprile 2011

ASCOLI/ PARRINELLO, APRAT: “AI PICENI PIACE IL RUM”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 03 APR. –– Ha riscosso un successo sopra le aspettative un seminario sul rum svolto nei giorni scorsi dall’Aprat, l’associazione professionisti ristorazione alberghiera turismo & management, di Ascoli, presso la propria sede al ristorante bar Vanuri sito in zona industriale Campolungo. Nel corso del seminario è stata approfondita in particolare la tematica dell’abbinamento del rum con vari tipi di cioccolato, frutta e sigari. “L'iniziativa con taglio seminariale – ha spiegato il professor Augusto Parrinello, già fiduciario regionale Fib, la federazione italiana barman, maitre Amira, l’Associazione Maîtres Italiani Ristoranti ed Alberghi, e presidente Aprat - è volta ad abbinare la trasmissione di informazioni sulle varie etichette di rum ed abbinamenti alla degustazione di prodotti delle migliori marche. L'iniziativa era aperta sia ad esperti che a neofiti che vogliono avvicinarsi ed approfondire la conoscenza del distillato. Dato il successo l’Aprat è già al lavoro per organizzarle delle altre”. A curare i temi legati al rum ed agli abbinamenti sensoriali col cibo è stato lo stesso Parrinello, mentre dei sigari si è occupato Vincenzo Lori, grande esperto in materia, specialista in particolare del sigaro italiano, nonché titolare dell’omonima tabaccheria presso il centro commerciale Ipercoop Città delle stelle. Per informazioni sui prossimi seminari e contatti si può telefonare al numero 3389330394 oppure allo 0736258253.

sabato 2 aprile 2011

PICENO/ UDC: “AHLSTROM, LE PROMESSE TRADITE DI CELANI E CASTELLI”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 02 APR. – “Siamo rimasti attoniti e sgomenti per il finale della vicenda Ahlstrom, ex Cartiera di Ascoli. Ancora una volta, dopo foto di gruppo insieme agli ex operai davanti i cancelli, promesse e false speranze, siamo di nuovo di fronte ad un’altra ferita per il nostro martoriato territorio e per la gente che vi abita. Non si possono dimenticare le promesse del presidente della provincia, Piero Celani, che aveva rassicurato tutti i lavoratori dell’ex Cartiera, dichiarando che il sito industriale sarebbe rimasto cartario, o comunque produttivo, mentre ora afferma tranquillamente sulla stampa che se non lo sarà più, non sarebbe un dramma”. Ad affermarlo congiuntamente sono i Coordinamenti comunale e provinciale dell’Unione di Centro.
“Che fine hanno fatto – si chiedono gli esponenti del partito di Pier Ferdinando Casini, il tavolo - ancora aperto - presso il Ministero dello sviluppo economico, le conoscenze decantate dal sindaco Guido Castelli e le promesse degli esponenti locali e nazionali del Pdl venuti a più riprese in passerella ad Ascoli? Gli “amici” Ministri hanno girato le spalle al Piceno, lasciandolo solo con la propria crisi economica o la classe politica locale non ha rappresentato adeguatamente la gravità della situazione? Una cosa è certa la situazione economica è grave per tutti, ma diventa tragica per chi perde il posto di lavoro. Se la politica, non è in grado di dare soluzioni e dimostrare la propria coerenza e l'impegno in queste situazioni, evidenzia solo il proprio fallimento. Con quale coraggio si può prendere in giro così la povera gente disoccupata? Con le persone che non sono più in grado di pagare il mutuo e di garantire il futuro ai propri figli, non si può "giocare"! Il rischio è grave e pericoloso. La speranza della riconversione e del rilancio con la possibilità di conservare almeno una parte dei posti di lavoro è crollata e definitivamente svanita. La Ahlstrom ha venduto ad una società di demolizioni! La Eurocomet si occupa appunto di recupero di materiali ferrosi ed in particolare, tramite la sua controllata, la Albertini demolizioni di… demolizioni industriali! Poi, dopo la demolizione del sito, magari si costruiranno capannoni da vendere - come ce ne sono già tanti in zona vuoti - o si venderanno le aree per speculazioni edilizie. L'impoverimento graduale e costante, però, renderà sterile questo territorio e lo sarà anche per gli speculatori”.
“Siamo scetticamente in attesa – concludono - di valutare le azioni e le intenzioni della nuova proprietà, ma non possiamo lasciare cadere il comportamento di chi, carpendo la buona fede di persone che hanno perso il lavoro, li ha poi invece abbandonatati a se stessi ed all’arroganza ed al cinismo della multinazionale di turno! Difficile biasimare anche la gente che, si sente di destra e non si riconosce più in certi partiti - che dovrebbero tutelarli e rappresentarli - che non crede più neanche nella politica in generale”.

lunedì 28 marzo 2011

PICENO/ PETRELLI, UDC: “AUTOVELOX, L’INCOERENZA DI PDL E PD”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 29 MAR. – “Più che il Popolo della libertà il Pdl piceno farebbe bene a chiamarsi il Popolo dell’incoerenza. Per gli amministratori berlusconiani ascolani gli autovelox non sono un modo per fare cassa, per i seguaci del Cavaliere ad Offida sono un ulteriore tassa sui cittadini”. A rilevarlo è il coordinatore di Ascoli dell’Unione di centro, Francesco Petrelli. “Se non si trattasse di soldi dei cittadini – afferma Petrelli - sarebbe solamente curioso constatare come, a pochi chilometri di distanza, amministratori, dirigenti ed eletti dello stesso partito si battano animosamente nella difesa d’idee praticamente opposte sugli autovelox. Invece è drammatico constatare come oggi la giunta dell’Amministrazione provinciale di Ascoli, a guida Pdl, pur di fare cassa, sia pronta a rinnegare quanto sostenuto ad Offida dai massimi dirigenti dello stesso partito, tra cui il coordinatore provinciale, Luigi Citeroni, nemmeno 2 mesi fa. Se per l’assessore provinciale al bilancio del Pdl, Vittorio Crescenzi, “l’installazione degli autovelox non è in alcun modo una maniera per fare cassa, ma solo per migliorare la sicurezza stradale”, per il consigliere comunale dei belrusconiani offidani, Marcello Camela, invece, “è evidente che lo scopo non è la prevenzione, quella dell'autovelox non è che un'ulteriore tassa sulle spalle dei cittadini che lavorano”. "Un obrobrio morale” era il commento di Citeroni rincarato da quello del leader affidano del Pdl, Simone Corradetti, che sentenziava: “I conti non si devono far pagare alle famiglie”. Per coerenza, onestamente, non si distinguono nemmeno quelli del Pd, che sbraitano, giustamente, contro Piero Celani, che non si farebbe più di tanti scrupoli a mettere le mani nei portafogli dei Piceni, ma ai consistenti introiti dell’autovelox sulla Valtesino non rinunciano di certo”. “Senza sindacare che questi misuratori di velocità dei veicoli – prosegue l’esponente del partito di Pierferdinando Casini - hanno effettivamente un incidenza positiva sulla sicurezza stradale, in questo particolare momento di sofferenza economica per i cittadini, ben altri potrebbero essere gli interventi per modificare i fattori di rischio, in particolare per gli utenti non motorizzati. Dall'illuminazione, peraltro regolamentata da normative, leggi e documentazione tecniche specifiche, a corsie separate come piste ciclabili, sottopassi e ponti, passando per barriere per i pedoni, che impediscano l'attraversamento pedonale ove s’incrociano più di due vie; campagne di consapevolezza sul traffico; attraversamenti pedonali obbligatori, nonché procedure, come i dossi rallentatori”. “Gli interventi di separazione del traffico pedonale e ciclabile da quello automobilistico, però, se mal progettati, come ad esempio nel caso della pista in corso Vittorio Emanuele ad Ascoli, possono portare a penalizzare ulteriormente gli utenti deboli della strada, costringendoli a compiere percorsi più lunghi ed a dare la precedenza ad ogni intersezione. In particolare, una pista ciclabile mal progettata può essere ancora più pericolosa della strada, a causa delle intersezioni con vie laterali e passi carrabili a scarsa visibilità, o quando viene realizzata a fianco di un'area di parcheggio parallela alla strada. Questo accade tipicamente quando gli interventi sono guidati dal desiderio di "togliere dalla strada" gli utenti lenti, permettendo l'aumento della velocità”. “Insomma – conclude Petrelli –, per il bene dei cittadini Piceni e non solo, il presidente della Provincia, Piero Celani, rinunci a voler far assolutamente cassa con gli autovelox ed il sindaco di Offida, Valerio Lucciarini De Vincenzi, dia il buon esempio rinunciando ai suoi apparecchi di rilevamento automatico”.

domenica 20 marzo 2011

ASCOLI P./ MATTEO MARZOTTO GRANDE AMICO DELLA ROUND TABLE 27


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 21 MAR. – Tra i grandi amici della Round Table 27 di Ascoli ora c’è anche il conte Matteo Marzotto, vicepresidente della Fondazione ricerca fibrosi-cistica. Occasione dell’incontro con l’ex presidente della casa di moda Valentino ed attuale numero uno dell’Enit, l’Agenzia nazionale del turismo, è stata la cena di gala ad Imola nel corso della quale tutte le Tavole d’Italia hanno consegnato l’assegno alla Fondazione ricerca fibrosi-cistica con i soldi raccolti con la vendita dei ciclamini. A fare la conoscenza di Marzotto sono stati il presidente della Rt27, Fabio Armellini, il suo vice e il past president, Angelo Davide Galeati. Armellini ha ringraziato in particolare Marzotto sia per quello che fa personalmente per questa Fondazione, sia per l'attività importantissima di ricerca che fa la fondazione stessa. I Tabler a nome dell’intero Club ascolano hanno esternato a Marzotto il grande apprezzamento per la passione che lui trasmette nel promuovere la ricerca e la raccolta fondi per la ricerca. Marzotto dalla sua ha voluto ringraziarci per i nostri sforzi, spronandoci a fare sempre di più perché con le donazioni si può portare avanti la ricerca per questa brutta malattia. Infine al celebre manager Armellini ha voluto regalare una bottiglia di Anisetta Meletti, quale simbolo della nostra Città. Marzotto ha apprezzato moltissimo, anche perché ha confessato che ne conosceva già da tempo la bontà.

domenica 13 marzo 2011

SAN BENEDETTO/ MICHETTI CHEF D’ORO AGLI INTERNAZIOANLI D’ITALIA


(PRESSOFF.INFO) SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 13 MAR. –– Ancora una medaglia d’oro per Mauro Michetti, professore di cucina dell’Alberghiero di San Benedetto del Tronto. Il noto chef se l’è aggiudicata al concorso Internazionale di Italia a Marina di Massa, che si è svolto in occasione della 31esima mostra Convegno Tirreno CT dal 6 al 10 marzo scorsi. Un competizione che è ritenuta la più importante internazionale di Italia e che ha visto in gara tutti i migliori chef d’Italia e non. Innumerevoli sono state le preparazioni gastronomiche in cui i cuochi si sono misurati, a partire dalla cucina calda, quella fredda, quella artistica, dolce e salata. Il professor Michetti, che svolge la sua docenza presso la sede distaccata di Ascoli, ha ottenuto una medaglia d’oro personale ed una d’argento di squadra con il team della regione Marche. Michetti ha presentato con la squadra marchigiana la cucina fredda artistica, combinando numerose preparazioni, dai finger food ai piatti unici, passando poi al vassoio della festività, alla preparazione “ovolacto”, ai menù di pesce e di carne fino alla realizzazione di un programma di pasticceria, dove piccolissime praline, dolci e pezzi artistici di cioccolato si univano ottenendo una grande armonia organolettica, visiva e nutrizionale. Tantissimi sono stati i riscontri positivi della giuria e dei migliaia di visitatori presenti. Particolarmente apprezzato è stato il pezzo artistico realizzato personalmente dal professor Michetti: un Galeone incagliato, preparato con la pasta di pane. Consapevole del risultato ottenuto, chiara era la soddisfazione del docente. “Solo per la realizzazione del galeone – ha affermato Michetti - ci sono voluti più di due mesi di preparazione dove tecnica, professione ed alle volte esasperazione hanno avuto uno spazio predominante”. Il pezzo artistico rimarrà esposto presso l’Ipssar di San Benedetto per circa 1 mese.

mercoledì 2 marzo 2011

MALTEMPO MARCHE/ CICCANTI, UDC: “NECESSARI GLI AIUTI DEL MILLEPROROGHE”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 03 MAR. – Mentre il maltempo flagella le Marche il Consiglio dei Ministri vorrebbe applicare la tassa della disgrazia sull’intera regione. Tale disposizione, già in vigore con l’approvazione della cosiddetta legge “milleproroghe”, prevede che le Marche provvedano con proprie risorse ad affrontare i danni, aumentando il costo della benzina erogata dalle pompe o altri tributi. Ad interrogare il Governo se questa è davvero la sua volontà e se piuttosto non intenda promuovere iniziative di solidarietà nazionale a favore e sostegno dei territori marchigiani gravemente colpiti dal nubifragio è l’onorevole Amedeo Ciccanti, insieme ai colleghi Agostini, Cavallaio, Vannucci, Giovannelli e Ginobre.
“La regione Marche – ha illustrato Ciccanti - ed alcuni comuni della Provincia di Teramo sono stati colpiti da una forte ondata di maltempo, che non si registrava negli ultimi 40 anni (secondo la protezione civile regionale sono caduti 200 millimetri d’acqua). Sono esondati alcuni fiumi nel centro sud della regione (Ete vivo ed Ete morto) mentre la parte nord è alle prese con forti nevicate con pericolo di valanghe. Allo stato della cronaca risultano esserci stati già 2 morti ed un disperso, mentre altre famiglie sono state evacuate in alcune frazioni di Ascoli Piceno, Macerata, Ancona, Jesi e Senigallia. Sono state danneggiate alcune importanti infrastrutture di comunicazione, tra cui si registra la chiusura temporanea dell’aeroporto “Raffaello Sanzio” di Ancona, la chiusura del casello dell’autostrada A14 di Porto S. Giorgio e lo svincolo autostradale di Ascoli Porto d’Ascoli, l’interruzione della linea ferroviaria Civitanova – Albacina (binario unico) per il cedimento di un binario. La viabilità registra i danni più urgenti a causa di frane e crollo di ponti, ragione per cui sono stati interrotti i collegamenti tra molti centri abitati, con gravi ripercussioni sui soccorsi e l’approvvigionamento dei viveri, che subiscono forti rallentamenti. La protezione civile, vigili del fuoco e forze di polizia sono mobilitate a tempo pieno per far fronte all’emergenza, stante anche i rinforzi giunti dalla Campania e dalla Toscana. Alcuni comuni (Senigallia ed Osimo) hanno chiuso le scuole la Regione Marche sta svolgendo la ricognizione degli ingenti danni per chiedere il riconoscimento dello stato di emergenza per il grave pregiudizio subito dalle infrastrutture civili e il riconoscimento della calamità naturale, stante le devastazioni subite dall’agricoltura”. “Interroghiamo quindi il Presidente del Consiglio dei Ministri, Berlusconi, - ha concluso, il parlamentare dell’Unione di Centro - se non ritiene di assumere iniziative legislative per includere anche le Marche nella fruizione delle risorse previste dalla legge “mille proroghe”, che prevede per Liguria, Veneto e Campania un fondo di 100 milioni per ciascuno degli anni 2011 e 2012 per far fronte agli eccezionali eventi metereologici che le hanno colpite , così come sono state colpite le Marche”.

lunedì 21 febbraio 2011

MARCHE/ LEGGE STABILITÀ: FORZATURA CONTRO LA LIBERÀ DELLE IMPRESE


(PRESSOFF.INFO) FERMO, 22 FEB. – “La legge di stabilità 2011 ha introdotto notevoli modifiche per quanto riguarda i contratti di Leasing immobiliari. Per applicare le nuove regole ai contratti stipulati prima del 01/01/2011 e a tale data ancora in corso, la legge ha previsto il pagamento di una imposta sostitutiva, che dovrà essere versata in un unica soluzione entro il 31/03/2011. Riteniamo pertanto che con queste modifiche il legislatore non abbia inteso favorire le Imprese utilizzatrici degli immobili, ma abbia voluto semplicemente anticipare i tempi e rendere certo l'incasso delle imposte”. Ad affermarlo è Davide Longo, vicepresidente regionale di PmiMarche, nonché presidente di PmiFermo. “Inoltre – ha proseguito l’imprenditore - consideriamo questa modalità di procedere una grande forzatura poiché in uno stato di diritto non è pensabile che un'Azienda stipuli un contratto contando su un determinato assetto del sistema impositivo e poi in corso di vigenza del contratto stesso si veda modificare tale assetto con conseguente onere di sborsare somme di denaro che possono essere anche nell'ordine di decine di migliaia di euro;tanto più in una situazione economica come quella attuale dove i piccoli imprenditori stanno facendo grandi sforzi economici ed anche sacrifici personali per continuare a dare il proprio contributo ad una crescita economica del Paese”. “Come possono gli Imprenditori – ha concluso Longo -,alla luce di questa norma,credere alle promesse di una liberalizzazione dell'iniziativa imprenditoriale privata quando in nome di una ormai incontrollata necessità di fare cassa da parte dello Stato si sacrifica la libertà delle imprese pianificare il reperimento e l'impiego delle proprie risorse finanziarie”.

mercoledì 9 febbraio 2011

ASCOLI/ “STEFANO E GIANLUCA” VENERDÌ SERA (11/02) SU RAI UNO


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 10 FEB. –– Stefano Tisi e Gianluca Agostinelli saranno “la voce” di tutto il popolo contadino d’Italia. Il duo comico ascolano parteciperà alla trasmissione “I Raccomandati” in diretta questo venerdì sera 11 febbraio su Rai Uno. I giovani artisti hanno partecipato ai provini, che si sono svolti a San Benedetto del Tronto con la presenza di Valeria Marini ed Emanuele Filiberto di Savoia. È stato proprio il Principe che li ha fortemente voluti e li ha scelti per esibirsi insieme a loro per la serata finale della trasmissione. Sono stati oltre cento coloro che si sono presentati ai provini e tra i tanti cantanti, musicisti e ballerini, tutti professionisti, i giovani comici hanno avuto la meglio accattivandosi la simpatia degli autori, dello staff tecnico della Rai, ma soprattutto di Valeria Marini e del Principe Filiberto. Stefano e Gianluca si esibiranno cantando una rielaborazione “agricola” scritta da loro della canzone “Italia Amore Mio”, brano arrivato secondo allo scorso Festival di Sanremo, cantato proprio da Emanuele Filiberto insieme a Pupo ed il tenore Luca Canonici. Il testo parla dell’attività contadina, delle sue problematiche, ma soprattutto della bellezza della vita in campagna. Ancora una volta la modestia e la semplicità di questi giovanissimi esponenti della musica popolare è stata premiata. Questa occasione sarà sicuramente solo l’inizio di una carriera assicurata.

ASCOLI/ PMI: BLOCCO SALARIA? INCOERENTE, INEFFICACE E DANNOSO


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 10 FEB. – “Il blocco del traffico della Salaria previsto per la prossima settimana dalle Amministrazioni comunali di Ascoli Piceno e Castel di Lama sarà dannoso, incoerente ed inefficace”. A sostenerlo è il Presidente dell’associazione PmiMarche, Domenico Fratoni. “Dannoso – spiega Fratoni -, perché decidere in maniera unilaterale, e senza fare il minimo sforzo di contattare tutti gli attori interessati dal fermo, allo scopo di trovare con essi un metodo condiviso, condurrà certamente ad un danneggiamento economico di quelle attività economiche che si affacciano sulla Salaria. Incoerente poiché, se per incrementare e sostenere le imprese della zona si spendono decine di migliaia di euro per una notte d’estate e poi nello stesso tratto di strada si decide un fermo con queste caratteristiche, questo appare solo come un atto di amministrazione estemporaneo, senza alcuna base strategica di rilancio dell’economia del territorio. Ed inefficace perché, la cronaca degli ultimi giorno nelle grandi metropoli lo palesa, non è dato certo un riscontro nel miglioramento delle condizioni ambientali, tanto più se si pensa che il traffico veicolare non si arresterà ma semplicemente si sposterà sulle vie parallele congestionando il traffico e forse anche l’aria”. “Altra cosa – conclude - sarebbe stato, decidere una chiusura totale a tutti i mezzi, magari nel fine settimana, supportando le cittadinanze con autobus e navette”.

lunedì 7 febbraio 2011

ASCOLI P./ “DA GIORNI PERMANGONO RIFIUTI SPECIALI SU PIAZZALE MUSSINI”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 07 FEB. – “La gatta frettolosa fece i gattini ciechi. Il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, non ha esitato nemmeno un attimo a lodare il suo “nuovo corso” sulla raccolta differenziata, ma nella sua solita precipitazione a magnificarsi per i primi risultati in Centro storico, trascura ancora i problemi dei rifiuti nell’immediata periferia. A Borgo Solestà, infatti, sul piazzale Augusto Mussini, ormai da qualche giorno permangono, purtroppo inosservati da chi di dovere, rifiuti speciali di demolizione edile (bidè, water e lavandini). Quello del piazzale antistante il Convento di San Serafino da Montegranaro è purtroppo una location abituale per l’abbandono di rifiuti di ogni genere. Un problema vecchio, insomma, che l’Amministrazione Castelli, ancora sembra non sia riuscita a risolvere, nonostante i proclami”. Ad affermarlo è Francesco Petrelli, il coordinatore del nascente Partito della Nazione che racchiude, Udc, Liberal e Rosa Bianca.
“La presenza – prosegue Petrelli -, per l’ennesima volta, di eccezionali accumuli di rifiuti in piazzale Mussini, addolora, poi, in particolar modo i residenti. È dal marzo 2007 che l’Arengo, con tanto di determinazioni dirigenziali, ha promesso, infatti, di occuparsi della riqualificazione della piazza antistante l'ex scuola elementare di via dei cappuccini e della pavimentazione di piazzale Mussini con la realizzazione di posti auto interrati. Solo nel giugno dell’anno scorso è stato approvato il bando di gara a procedura aperta per la vendita in diritto di superficie di garage privati interrati, lungo via dei cappuccini. Nel mezzo, però, c’è stata una campagna elettorale in cui i residenti sono stati riempiti di promesse che tramutate in voti hanno fruttato la conferma di poltrone importanti”.
“Che fine ha fatto – conclude l’esponente dell’Udc - la riqualificazione di piazzale Mussini? Va aggiunta ai grandi temi della Città ancora in alto mare: Ex Sgl, Polo Universitario, Auditorium, Contratto di quartiere, Prg, Consind e convenzione Saba? Nell’attesa di una risposta, semmai vi sarà, l’Amministrazione provveda almeno a rimuovere quei rifiuti speciali che non fanno certo onore a Frà Paolo”.

venerdì 4 febbraio 2011

NUOVO VIDEOCLIP DI STEFANO TISI GIRATO AD ASCOLI


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 04 FEB. –– “Una strana canzone d’amore”, è questo il titolo del nuovo videoclip dell’ormai noto cantautore comico ascolano Stefano Tisi. Dopo gli innumerevoli successi nelle svariate serate di cabaret e sugli schermi delle tv locali insieme al suo fedele collaboratore artistico Gianluca Agostinelli, Tisi ha voluto produrre e dirigere un video proprio al centro storico di Ascoli Piceno. La riuscita di questo nuovo lavoro è sicuramente dovuta anche alla bellissima Tiziana Fioravanti: “È stato assolutamente divertente – ha detto l’attrice - ma soprattutto è stato un grande piacere lavorare al fianco di un ottimo artista come Tisi, giovanissimo ma con tante risorse e qualità”. I complimenti vanno anche a Giorgia Ferrari, l’operatore di ripresa, che in ogni inquadratura ha valorizzato e sottolineato le bellezze di Ascoli, Piazza del popolo, Piazza arringo e Chiostro di S. Francesco. Una vera e propria cartolina della città. “Ascoli è davvero stupenda – ha raccontato Tisi – ed ho deciso di girare il video di notte quando la città è forse ancora più bella, perché è senza nessuna distrazione ed è possibile godere ancora di più dei tesori che abbiamo al centro storico”. In questo video traspare un lato di Tisi, che pochissimi conoscono, stavolta non si parla e non c’e’ comicità, i doppi sensi nel testo della canzone vengono quasi annullati. Tutto si concentra sul volto di Tiziana e sulle bellezze architettoniche della città. Oltre ai video Tisi, in arte “Stefano non solo musica”, sta preparando il nuovo lavoro discografico, che uscirà fra qualche mese con la partecipazione di Gianluca. Inoltre sta ultimando il nuovo spettacolo di cabaret da proporre per la prossima stagione estiva. Questo video, interamente prodotto e finanziato da Stefano Tisi, sarà un’ottima pubblicità per il turismo di Ascoli. Il video che è visibile su Youtube e Facebook sta registrando già migliaia di clic.

martedì 1 febbraio 2011

GROTTAMMARE/ PRIMO CD PER IL CONCERTO BANDISTICO ARMONIE DI SUONI

(PRESSOFF.INFO) GROTTAMMARE, 02 FEB. - In un periodo in cui l’Istituzione dell’Arte è messa a dura prova dalle ristrettezze economiche e da alti e bassi governativi ed amministrativi, c’è ancora una luce per gli appassionati della buona musica: il Concerto Bandistico Armonie di Suoni di Grottammare diretto da Francesca Di Lorenzo. Dopo tre anni di duro lavoro,la passione per la musica ha spinto questo gruppo eterogeneo di musicisti ad arrivare ai vertici e a farsi conoscere per la genuinità dei modi,la spontaneità e,soprattutto,la bravura scevra di ogni vanità ed invidia. In un ambiente in cui si può parlare di “traffico musicale” o “mercenari del suono”, il Concerto Bandistico rappresenta una realtà umile e rispettosa dell’Arte. Ma,si sa,tutto questo eccellere non può andare avanti e continuare a migliorare senza un aiuto. Nell’epoca in cui la pubblicità gestisce ogni aspetto della nostra vita, anche il Concerto Bandistico Armonie di Suoni ha deciso di inserirsi nel sistema ed ha registrato il suo primo cd. All’interno brani che spaziano dal raffinato jazz alla marcia di consumo più popolare. Ora si aspetta di raccogliere i frutti,sperando che il buon cuore di qualcuno aiuti questa realtà a crescere ed andare avanti,a non spegnersi e non finire nell’oblio di un crescente abbandono delle tradizioni e della cultura.

mercoledì 12 gennaio 2011

APPIGNANO/ PMIMARCHE: DOMANI SERA ARRIVA CARLO CAMBI


(PRESSOFF.INFO) APPIGNANO DEL TRONTO – Stasera ad Appignano del Tronto con l’eccezionale patrocinio dell’Ufficio di Questura della Camera dei Deputati e la presenza straordinaria del giornalista Carlo Cambi, a tre delle più virtuose piccole e medie imprese del territorio saranno riconosciuti degli importanti premi di merito. Alla consegna di questi riconoscimenti, durante una cena di gala presso il ristorante Santa Lucia del pluridecorato maitre Graziano Simonetti, interverrà il Questore della Camera, l’onorevole Antonio Mazzocchi, che sarà anche animatore di un convegno che aprirà l’evento. Tema del convegno che vedrà protagonisti tra gli altri il giornalista Cambi, il celebre pastaio di Campofilone, Enzo Rossi, il noto architetto imolese Alessandro Quartieri, ed il vicepresidente regionale dell’Ais, l’Associazione italiana sommelier, Claudio Giacomini, sarà l’arte dell’accoglienza. Ad organizzare l’importante evento che vuole aprire nel migliore dei modi il 2011 è l’associazione PmiMarche presieduta Domenico Fratoni, che unitamente al direttore Andrea Calvaresi hanno sottolineato: “Visto dalla trincea delle Pmi, vere eroine dell'Italia che resiste alla crisi, il 2010 si è chiuso con merito. Il sistema delle piccole imprese ha tenuto. Ciò ha rappresentato per noi un ulteriore stimolo a varare la prima edizione di questo premio, che intende riconoscere i meriti sia alla pmi, che si è maggiormente distinta nel 2010, che a quella più promettente nel 2011, nonché ad un personaggio, che ha contribuito allo sviluppo delle pmi”. “A giugno – hanno affermato - il 15,6% delle pmi lamentava peggiori condizioni rispetto al trimestre precedente. Quota consistente, ma quasi dimezzata rispetto al 2009, quando gli scontenti sfioravano il 30%. La gelata c'è, ma qualcosa si scioglie. E vince chi punta all'innovazione, come nel caso dei nostri 3 premiati, le cui identità saranno rivelate solo nell’arco della serata”. Che la trincea si è fatta più robusta, n’è talmente certa PmiMarche che per la serata del 14 gennaio si è voluta fregiare della presenza di uno dei maggiori esponenti del giornalismo enogastronomico, sempre a stretto contatto con le pmi di settore, Carlo Cambi. Toscano di nascita e di cultura, ha esordito giovanissimo nel giornalismo prima a Il Tirreno e poi a la Repubblica dove ha lavorato per vent’anni. Nel 1997 ha fondato I viaggi di Repubblica, che ha diretto fino al 2005. Ha scritto per L’espresso, il Venerdì di Repubblica, Affari e Finanza, Epoca e Panorama, collabora con Il resto del Carlino ed è il curatore dell’inserto enogastronomico Libero Gusto, che esce ogni sabato su Libero. Sommelier honoris causa dell’AIS, è tra i fondatori del Movimento Turismo del Vino, membro del Comitato Scientifico della Fondazione Qualivita per i marchi europei, già Presidente della Strada del Vino Terre d’Arezzo. Autore televisivo e radiofonico è stato relatore in numerosissimi convegni e ha prodotto diversi saggi d’argomento enogastronomico, turistico, antropologico ed economico. Nel 2009 è stato insignito del premio internazionale Ais, già Oscar del Vino, quale miglior giornalista scrittore enoico. Di formazione economico-giuridica tiene docenze ai master dell’Università Bocconi e de la Sapienza di Roma. Ha pubblicato, tra gli altri, Il Mangiarozzo, un bestseller dell’editoria enogastronomica; Le ricette e i vini del Mangiarozzo 2009 e 2010; e Le ricette d’oro delle migliori osterie e trattorie italiane del Mangiarozzo.