Google+ Followers

mercoledì 27 aprile 2011

PALMIANO/ PROLOCO: A SCUOLA DI CUCINA DAGLI CHEF DELLA FEDERCUOCHI


(PRESSOFF.INFO) PALMIANO, 28 APR. – Palmiano si conferma un paese a vocazione gastronomica. Dopo la notorietà raggiunta con le due celebri sagre, quella “de li spirilli di castrata” a fine luglio e quella della patata i primi di settembre, la Pro-loco del più piccolo comune della provincia di Ascoli, organizza un corso di cucina davvero in grande stile. Il presidente della pro-loco, Emidio Massari, infatti, per orchestrare il corso ha raggiunto un importante accordo con la prestigiosa Federcuochi, che, nella persona del presidente provinciale, lo chef Alessandro D’Addazio, ha assicurato al corso anche la presenza del pluridecorato campione internazionale di cucina, Mauro Michetti. Il corso, coordinato da Severina Lupi e diretto addirittura dal primo cittadino di Palmiano, Giuseppe Amici, prenderà il via il prossimo 5 maggio presso la cucina della Pro-loco a Palmiano. Si tratta di un corso di 39 ore che rilascerà degli autorevoli attestati di partecipazione da parte dell’Associazione cuochi di Ascoli. “La prima intensa giornata di lezione – spiega lo chef D’Addazio - è prevista per lo stesso 5 maggio. Si comincerà alle 14.30 con la registrazione dei partecipanti, il saluto delle autorità promotrici, la presentazione delle finalità del corso e la sua introduzione. Nello stesso giorno saranno anche trattate la conoscenza della cucina ed il corretto uso delle tecnologie, la cognizione merceologica, la terminologia, il taglio delle verdure e l’uso dei grassi. La seconda lezione è prevista per il 9 maggio con inizio alle 15 e conclusione prevista per le 20. Un orario che, ad eccezione della serata finale prevista per il 26 maggio che ospiterà anche la premiazione, verrà mantenuto per l’intero arco delle lezioni. Il 9 maggio saranno trattati gli antipasti di carne e pesce, il 12 le paste classiche e ripiene, il 16 i primi di carne e pesce, il 19 i secondi di carne e pesce, oltre ai contorni ed il 23 i dessert. Nella giornata conclusiva, come anticipato, oltre alle premiazioni si terrà l’esame delle procedure e dei metodi operativi appresi. I partecipanti saranno divisi in gruppi ed a ciascuno verrà assegnato un tema d’esame. Dopo lo svolgimento dei lavori, si terrà il servizio alla giuria composta rigorosamente da addetti ai lavori. Il corso si concluderà quindi con la consegna degli attestati di partecipazione”. Le iscrizioni sono aperte a chiunque, professionisti e non, anche provenienti da altre province. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi ai numeri 347.2507090 e 0736252358.

giovedì 14 aprile 2011

ASCOLI/ LIBERAL: “DOPO 5 MESI LA DISCARICA TRA CARTIERA E NOVICO È SEMPRE LÌ”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 15 APR. – “Sono trascorsi cinque mesi e l’ex cartiera ha pure cambiato padrone, ma frigoriferi, computer, monitor, televisori, pneumatici, materassi, e lavandini sono ancora lì. Nonostante la nostra denuncia dello scorso novembre nessuno si è preoccupato di sanare quella discarica a cielo aperto sulla strada che divide l’ex Ahlstrom e la Nevico: la piccola bretella che congiunge Via del Commercio e la Provinciale 88, meglio conosciuta come Strada della Bonifica”. A denunciarlo, ancora una volta, è Liberal, il movimento, guidato dall’avvocato Vittorio Santori, che insieme all’Unione di Centro di Pier Ferdinando Casini ed altri ha dato vita al nuovo Partito della Nazione. “Si tratta di una discarica a cielo aperto a tutti gli effetti, nella quale purtroppo spuntano anche rifiuti speciali come calcinacci e detriti edili di varia natura, scarti vari di materiale elettrico e termosanitario, nonché degli inquietanti cilindri alti circa cinquanta centimetri, composti da indistinto materiale misto a terra. Una delle vie che divide due delle aziende, che per anni sono state indiscussi fiori all’occhiello della nostra zona industriale, è sempre più simile ad un vero e proprio immondezzaio”. “Una situazione di crescente degrado – proseguono gli esponenti di Liberal - che perdura da quasi un anno nell’indifferenza delle Autorità competenti, l’Amministrazione comunale guidata da Guido Castelli, piuttosto che quella provinciale o il Piceno Consid (il cui commissario è lo stesso presidente della Provincia, Piero Celani). Molti di quei rifiuti sono stati avvolti dalla vegetazione. Il punto di maggior desolazione è sicuramente rappresentato da una rientranza che porta ad un accesso secondario della ex Cartiera. Una zona meno in vista che per ovvi motivi si presta particolarmente bene allo scarico selvaggio d’immondizie di ogni genere e volume. L’intera bretella, poi, oltre che dai rifiuti speciali è anche pressoché totalmente invasa da rovi ed erbacce, che costituiscono una sorta di habitat naturale per lo scarico di immondizie addirittura di natura domestica. Tra rifiuti di carattere edile ed industriale, infatti, vi sono pure sacchetti dell’immondizia sparsi qua e là”. “La zona industriale di Ascoli – concludono – purtroppo sul fronte dell’occupazione è già una delle più “deserte” del centro Italia, si eviti almeno che diventi anche una delle più sporche e degradate”.

mercoledì 13 aprile 2011

ASCOLI P./ APRAT: “ACQUASANTA, UNA PIZZA CHE CONQUISTA”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 14 APR. –– Con la “Acquasanta”, dedicata all’omonimo comune termale alle porte di Ascoli, il meccanico con l’hobby della politica e della pizza, Achille Gigliarelli, s’è aggiudicato con la pressoché unanimità dei consensi il primo posto del Corso per pizzaioli organizzato dall’Aprat, l’Associazione Professionisti Ristorazione Alberghiera Turismo & Management di Ascoli presso il ristorante Vanuri in zona industriale Campolungo. Tema del corso, che ha registrato sicuramente un buon livello d’apprendimento da parte dei corsisti, era la “Biopizza”. Docente dei corsi è stato l’eccellente maestro pizzaiolo Amato Laurenzi, con la supervisione ed il coordinamento dei progetti del professor Augusto Parrinello, presidente dell'Aprat, assistito dall’altro maestro pizzaiolo Sandro Ibetti, dal segretario Andrea Di Silvestro, dall’assistente tecnica Emilia Proietti e dal titolare del locale, Giuseppe Rainone. Gli altri corsisti ad aver superato con buonissime valutazioni l’esame sono stati Fabio Abbadini, Michele Benigni, Ada Coccia, Girolamo De Laurentis, Francesco De Vincentis, Stefania Farina, Giuseppe Galoppa, Daniela Petracci, Silvia Scarrozzi, Lucie Zicmundova, Alessandro Zaini Osmani Bujamin ed il già citato Gigliarelli. A giudicare i corsisti è stata una variegata e qualificata giuria composta da Jenny Mercuri, Maria Bragan, Daniele Cuccioloni, l’avvocato Giorgio Re ed Enzo Eleuteri. “Un ringraziamento particolare – afferma Parrinello - l’Aprat lo fa agli sponsor tecnici, ovvero la Viander rappresentata da Saturno Carassai, la molitoria La Certosa di Maltignano, la Sabelli ed il supermercato Luigi Bachetti di Venarotta, specializzato in porchette, salumi e carni di propria produzione”. Per informazioni sulle prossime attività formative e non, è possibile telefonare al numero 338.9330394 oppure allo 0736.258253.

martedì 12 aprile 2011

PICENO/ CORRADETTI, UDC: “BILANCIO, PER CELANI LA FAMIGLIA NON È PRIORITÀ”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 13 APR. – “All’approvazione del bilancio provinciale di previsione del 2010, l’Udc, astenendosi, aveva colto la volontà del presidente Piero Celani di creare davvero un fondo straordinario di solidarietà a favore della famiglia. Oggi, l’Udc vedendosi costretto a ritirare l’emendamento per la costituzione del fondo, non essendo disponibile la copertura finanziaria, ma rilevando solo l’impegno della maggioranza a dare sostegno in futuro ad un eventuale identico ordine del giorno, prende atto amaramente che per l’Amministrazione Celani la famiglia non è assolutamente una priorità, tanto più in un momento di crisi sociale ed istituzionale, come quello attuale”. Ad affermalo è il capogruppo provinciale dell’Unione di Centro, Sergio Corradetti, comentando il proprio voto contrario all’approvazione del bilancio di previsione 2011 della Provincia. “L’Udc – spiega Corradetti -, ritiene necessaria ed utile la previsione di un fondo sia a sostegno delle famiglie con redditi minimi o con presenza di invalidità sia per la creazione di “nuove famiglie. Pur consapevole delle gravi difficoltà economiche della Provincia avevamo riproposto l’emendamento per iniziare un percorso anche minimale. La condivisione dell’emendamento da parte della maggioranza, però, è stata solo teorica”.
“Per Celani – ancora Corradetti - allestire un bilancio e far quadrare un conto economico contenendo i costi di gestione, soprattutto a seguito dei tagli inferti dal “loro” Governo non era certo facile. Le difficoltà di quadratura erano anche conseguenza di rigidezze di bilancio ereditate ma soprattutto seguito della divisione della provincia. Per occupare lo spazio lasciato dai mancati trasferimenti dello Stato quest’Amministrazione non ha esitato ad incrementare la fiscalità territoriale - riattivando una fiscalità latente come le concessioni per attingere a pozzi e fiumi o la pubblicità) – di fatto mettendo le mani nelle tasche dei cittadini in un momento di forte crisi economica che rischia di degenerare in crisi sociale. Le uniche certezze di questo bilancio 2011, infatti, sono i nuovi tagli di risorse per milioni di euro. Anche se per un lungo periodo la Maggioranza ha sostenuto che la crisi o non c’era, o che ne eravamo già fuori, la realtà è drammaticamente ben diversa. Celani oggi “batte cassa” con ogni metodo, autovelox inclusi. L’Ente confida nel mancato rispetto del codice della strada da parte dei cittadini. Ma se i cittadini, anche costretti dai morsi della crisi, riscoprissero il rispetto dei limiti di velocità, come si farebbe quadrare il bilancio? Assolutamente condivisibile è il parere espresso dai revisori dei conti laddove riconoscono l’aleatorietà dei proventi da sanzioni”. “Il piano di investimenti per il rilancio – conclude l’esponente dell’Udc -, purtroppo invece, manifesta mancanze fondamentali nell'occupazione. Auspichiamo allora che almeno possano attivarsi realmente e prontamente i progetti di valorizzazione delle risorse umane ed imprenditoriali con l'utilizzo dei fondi comunitari”.

domenica 3 aprile 2011

ASCOLI/ PARRINELLO, APRAT: “AI PICENI PIACE IL RUM”


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 03 APR. –– Ha riscosso un successo sopra le aspettative un seminario sul rum svolto nei giorni scorsi dall’Aprat, l’associazione professionisti ristorazione alberghiera turismo & management, di Ascoli, presso la propria sede al ristorante bar Vanuri sito in zona industriale Campolungo. Nel corso del seminario è stata approfondita in particolare la tematica dell’abbinamento del rum con vari tipi di cioccolato, frutta e sigari. “L'iniziativa con taglio seminariale – ha spiegato il professor Augusto Parrinello, già fiduciario regionale Fib, la federazione italiana barman, maitre Amira, l’Associazione Maîtres Italiani Ristoranti ed Alberghi, e presidente Aprat - è volta ad abbinare la trasmissione di informazioni sulle varie etichette di rum ed abbinamenti alla degustazione di prodotti delle migliori marche. L'iniziativa era aperta sia ad esperti che a neofiti che vogliono avvicinarsi ed approfondire la conoscenza del distillato. Dato il successo l’Aprat è già al lavoro per organizzarle delle altre”. A curare i temi legati al rum ed agli abbinamenti sensoriali col cibo è stato lo stesso Parrinello, mentre dei sigari si è occupato Vincenzo Lori, grande esperto in materia, specialista in particolare del sigaro italiano, nonché titolare dell’omonima tabaccheria presso il centro commerciale Ipercoop Città delle stelle. Per informazioni sui prossimi seminari e contatti si può telefonare al numero 3389330394 oppure allo 0736258253.

sabato 2 aprile 2011

PICENO/ UDC: “AHLSTROM, LE PROMESSE TRADITE DI CELANI E CASTELLI”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 02 APR. – “Siamo rimasti attoniti e sgomenti per il finale della vicenda Ahlstrom, ex Cartiera di Ascoli. Ancora una volta, dopo foto di gruppo insieme agli ex operai davanti i cancelli, promesse e false speranze, siamo di nuovo di fronte ad un’altra ferita per il nostro martoriato territorio e per la gente che vi abita. Non si possono dimenticare le promesse del presidente della provincia, Piero Celani, che aveva rassicurato tutti i lavoratori dell’ex Cartiera, dichiarando che il sito industriale sarebbe rimasto cartario, o comunque produttivo, mentre ora afferma tranquillamente sulla stampa che se non lo sarà più, non sarebbe un dramma”. Ad affermarlo congiuntamente sono i Coordinamenti comunale e provinciale dell’Unione di Centro.
“Che fine hanno fatto – si chiedono gli esponenti del partito di Pier Ferdinando Casini, il tavolo - ancora aperto - presso il Ministero dello sviluppo economico, le conoscenze decantate dal sindaco Guido Castelli e le promesse degli esponenti locali e nazionali del Pdl venuti a più riprese in passerella ad Ascoli? Gli “amici” Ministri hanno girato le spalle al Piceno, lasciandolo solo con la propria crisi economica o la classe politica locale non ha rappresentato adeguatamente la gravità della situazione? Una cosa è certa la situazione economica è grave per tutti, ma diventa tragica per chi perde il posto di lavoro. Se la politica, non è in grado di dare soluzioni e dimostrare la propria coerenza e l'impegno in queste situazioni, evidenzia solo il proprio fallimento. Con quale coraggio si può prendere in giro così la povera gente disoccupata? Con le persone che non sono più in grado di pagare il mutuo e di garantire il futuro ai propri figli, non si può "giocare"! Il rischio è grave e pericoloso. La speranza della riconversione e del rilancio con la possibilità di conservare almeno una parte dei posti di lavoro è crollata e definitivamente svanita. La Ahlstrom ha venduto ad una società di demolizioni! La Eurocomet si occupa appunto di recupero di materiali ferrosi ed in particolare, tramite la sua controllata, la Albertini demolizioni di… demolizioni industriali! Poi, dopo la demolizione del sito, magari si costruiranno capannoni da vendere - come ce ne sono già tanti in zona vuoti - o si venderanno le aree per speculazioni edilizie. L'impoverimento graduale e costante, però, renderà sterile questo territorio e lo sarà anche per gli speculatori”.
“Siamo scetticamente in attesa – concludono - di valutare le azioni e le intenzioni della nuova proprietà, ma non possiamo lasciare cadere il comportamento di chi, carpendo la buona fede di persone che hanno perso il lavoro, li ha poi invece abbandonatati a se stessi ed all’arroganza ed al cinismo della multinazionale di turno! Difficile biasimare anche la gente che, si sente di destra e non si riconosce più in certi partiti - che dovrebbero tutelarli e rappresentarli - che non crede più neanche nella politica in generale”.