Google+ Followers

venerdì 9 novembre 2012

ASCOLI/ UDC: “SU CITTA’ DELLO SPORT BRUGNI MENTE SAPENDO DI MENTIRE”

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 09 NOV. 2012 – “Se il titolo “tanto atteso” di Città europea dello Sport 2014 porterà i benefici auspicati dall’Arengo saremo pronti a fare il “mea culpa”, ma allo stato attuale delle cose l’assessore Brugni, purtroppo, mente, sapendo di mentire”. Così Francesco Petrelli, vicesegretario comunale dell’Udc, ribatte all’esponente dell’Arengo. “Innanzitutto – attacca l’esponente del partito di Casini e Ciccanti - se la cifra inferiore a 2000 mila euro è stata utilizzata solo per ospitare la commissione e per il dossier, il sindaco Castelli a Bruxelles si è recato a sue spese? In nome della trasparenza, invece di fare del populismo da bassa macelleria, Brugni si preoccupi di dettagliarle le spese, sia passate che future, visto che nel conto intanto deve includere anche i manifesti”. “Nel tentativo goffo di distogliere l’attenzione sul grave stato di degrado cittadino – spiega Petrelli – Castelli ed il suo fedele assessore Brugni vorrebbero far passare il titolo di Città Europea dello Sport, al pari di una selezione per le prossime Olimpiadi.
Per carità, il titolo è sempre una cosa positiva, ma sarebbe giusto relegarlo per quello che è: una sorta di bandiera blu o arancione o poco più. Come funziona? Di Capitale ne è nominata una all'anno, di città varie per i centri sopra i 25mila abitanti e di town varie per quelli sotto i 25mila. Di Brindisi, Latina e Rapallo, altre località che hanno preso il titolo di città, si sapeva già da alcuni giorni prima (si veda sul web), mentre Brugni & company hanno fatto finta che si sapesse solo da Bruxelles... da un aula desolatamente vuota…”.
“Riguardo ai ritorni tanto decantati dall’Arengo – ancora Petrelli -, la Comunità Europea nel bilanci del 2014-2019 complessivamente destinerà ai grandi eventi sportivi circa 210 milioni di euro. Tra tutti i progetti presentati si dovrebbe dare qualche punto in più a quelli delle città vincitrici come Capitale, Città o Town Europea dello Sport. Di concreto e realistico però v’è ben poco o comunque niente più che non si possa prendere con una domanda fatta alla Comunità europea per un progetto valido. Siamo certi che quando arriveranno i finanziamenti e le opportunità, che sono stati annunciati in pompa magna, il buon Brugni effettuerà la stessa campagna mediatica per renderveli noti… Noi attendiamo fiduciosi ma nel mentre ci domandiamo perché gettare tanto fumo negli occhi agli Ascolani? Forse per coprire uno stato gravissimo di disoccupazione, dopo che in campagna elettorale si è disegnato un ben altro scenario? Gli Ascolani si stanno rendendo conto da soli su chi li prende realmente in giro e li offende quotidianamente, in particolare di chi lo fa percependo anche un lauto stipendio pubblico che tanti concittadini non hanno purtroppo ormai più”.

Nessun commento: