Google+ Followers

lunedì 27 ottobre 2014

ASCOLI/ SC: BENE SINDACO, DISCARICA VIA DELLA SEMINA SOSTITUIREBBE RELLUCE

Quello che sembrerebbe il sito per la discarica in aggiunta a Relluce

Francesco Petrelli: "Ancora un plauso all'Arengo che potrebbe evitare la stangata per gli Ascolani"


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 27 OTT. - "Proprio nei giorni in cui il Comune di Ascoli Piceno annuncia con gaudio magno l'entrata in azione degli ispettori ambientali, panacea per tutti i mali del degrado, sembrerebbe che, secondo quanto riferiscono i ben informati, guidato dall'abilissimo sindaco, avrebbe anche tirato l'ennesimo coniglio fuori dal cilindro, individuando, per il bene della Città, l'area per una nuova discarica in Via della Semina, che sostituirebbe l'ormai quasi satura Relluce". Ad affermarlo è l'incaricato provinciale di Scelta Civica per l'Italia, Francesco Petrelli. "Nell'area - spiega -, che sorge in piena zona industriale Marino del Tronto, sarebbero anche arrivati, come documentano indiscutibilmente le foto inviateci dai nostri simpatizzanti, i primi rifiuti da trattare e stoccare. L'area, per l'esattezza, sorge in un ambito simbolo di quella che fu l'industrializzazione della nostra Città, in zona Marino del Tronto tra quello che rimane degli ex insediamenti della Cartiera e della Novico. Un area che sembrerebbe strategica, non solo per la vicinanza con Relluce ed il collegamento tra Via del Commercio e la Bonifica, ma anche perché nel marzo 2012 il buon sindaco di Ascoli diffidò il Piceno Consind, responsabile dell'area, a rimuovere la grande mole di rifiuti, sopratutto speciali e pericolosi che stazionava lì da almeno 2 anni prima. Vista la diffida e vista la rimozione che ne conseguì, ma in particolare visti i nuovi recenti e copiosi conferimenti non rimossi, è legittimo pensare che il Comune, magari in accordo col Consind c'abbia ripensato, e voglia, proprio lì, realizzare la nuova discarica che, sfruttando le 2 grandi aree ex industriali, eviterebbe una maxi stangata sulle tasse a tutti gli Ascolani ed abitanti della Vallata del Tronto. I rifiuti, infatti, che non potrebbero più essere stoccati a Relluce diversamente finiranno a breve nella discarica di Fermo ed oltre ad un maggior costo per lo stoccaggio si caricherebbero delle importanti spese per il trasferimento". "All'Arengo ed al sindaco - conclude Petrelli - qualora questa fuga di notizie dovesse trovare un riscontro concreto, come concreti sono i tanti rifiuti speciali già presenti in Via della Semina, rivolgiamo ancora una volta un applauso per la grande intuizione di altissimo profilo strategico gestionale".

Nessun commento: