Google+ Followers

domenica 30 novembre 2014

MONTEPRANDONE/ ALESSANDRO D'ADDAZIO: "CHEF A SCUOLA DI TORREFAZIONE"

Lo chef Alessandro D'Addazio
(PRESSOFF.INFO) MONTEPRANDONE, 30 NOV. - Dopo la bella manifestazione organizzata lo scorso 13 ottobre ad Offida in occasione della Festa del Santo Patrono dei cuochi riprende l'attività dell'Associazione Provinciale Cuochi di Ascoli Piceno. A darne notizia è il presidente Alessandro D'Addazio. "Lunedì 1 dicembre - illustra il numero 1 delle berrette bianche del Piceno - a partire dalle ore 15,30 si terrà una visita ad un’azienda di torrefazione, la “Orlandi passion”, che si occupa di caffè, cioccolata e biscotteria, in via del Terziario (seconda traversa) n°6 a Centobuchi di Monteprandone. Dopo la visita ci trasferiremo presso il ristorante Dimora di Bacco contrada Colleappeso n.15 a Monteprandone, dove il maestro pasticcere Fabrizio Mariani terrà una dimostrazione sulla preparazione del torrone, dolce natalizio per eccellenza. La serata si concluderà a tavola con un menù elaborato dal collega e chef patron, Emidio Mistretta". "Per informazioni e prenotazioni sulla serata e sulle attività della Federazione Italiana Cuochi d Asocli - conclude D'Addazio - ci si può rivolgere al sottoscritto al 336 1332611, oppure a Gabriella Bugari al 347 6561918 e Daniele Citeroni al 328 3071254".


sabato 29 novembre 2014

ASCOLI/ "VOI CON NOI CIVICAMENTE MARCHE" METTE LE RADICI NEL PICENO

Ruggero Cinti presidente di Voi con Noi civicamente Marche

Aderisce all'associazione il comitato civico Adesso Ascoli ed il referente pro-tempore è Petrelli


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 29 NOV. - "L'associazione Voi con Noi civicamente Marche, che con l'adesione del comitato civico Adesso Ascoli mette le radici nel Piceno, raccoglie già nel nome e nel simbolo la sua essenza". Ad affermarlo è il presidente Ruggero Cinti. "Siamo persone - spiega Cinti - che provengono da diverse esperienze sia professionali, associative o politiche diverse, ma che hanno scelto di stare insieme, perché condividono valori fondamentali, quali: rinnovamento, giustizia, solidarietà, trasparenza, etica, ambiente e meritocrazia. Rappresentiamo esperienze di partecipazione locali, liste civiche come Adesso Ascoli e singoli aderenti, come Francesco Petrelli che sarà il nostro referente provinciale pro-tempore. Con il Piceno siamo già ad oltre 800 adesioni, cittadine e cittadini marchigiani che condividono e si impegnano per progettare un futuro migliore, che vogliono contribuire al buon governo delle città e della propria Regione. Alcuni di noi hanno condiviso un percorso che nasce dall' esperienza di Italia Futura Marche altri ancora si aggiungono da altre esperienze, sia sociali che politiche, molti, forse la maggior parte, per la prima volta si affacciano sul palcoscenico della partecipazione democratica. Abbiamo l'ambizione di essere tra i protagonisti del cambiamento, portare le nostre istanze ed i nostri valori al governo della cosa pubblica, lavoreremo per la presentazione di candidature, scelte, con grande autonomia dai territori, tra coloro che riteniamo possano rappresentare al meglio i nostri valori. Autonomia ai rappresentanti nei territori, in quanto la nostra azione parte dal basso, dalla gente, dalle esperienze dei e nei luoghi di vita e di lavoro. La nostra forza è la squadra, l'impegno e l'agire insieme. Non ci piace il termine moderati perché nel rinnovamento, nel cambiamento vogliamo essere innovatori, siamo portatori di un nuovo agire e crediamo davvero in ciò che volontariamente facciamo. Pensiamo che sia necessario dare la speranza di un futuro migliore ai nostri figli e quindi mettiamo a disposizione le nostre competenze, professionalità ed esperienze. Noi rispetto ad altri, in Ancona, a Fano ed in altre località sparse nella Regione ci siamo già confrontati con i cittadini ed ottenuto soddisfacenti consensi, che ci hanno spinto ad affrontare nuove sfide per raggiungere nuovi obiettivi". "Le nostre attuali convinzioni - conclude il presidente Cinti -, i nostri valori e le ragioni del nostro impegno ci collocano nella odierna coalizione di centrosinistra".

domenica 16 novembre 2014

ASCOLI PICENO/ NUOVI PIZZAIOLI SUL MERCATO DELLA RISTORAZIONE

I corsisti.

Hanno superato il corso della Confcommercio a pieni voti grazie al maestro Laurenzi


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 16 NOV. - Nonostante la piaga della disoccupazione sia sempre più vasta, sopratutto in una Città come Ascoli, dove manca totalmente una strategia da parte dell'Amministrazione comunale quantomeno per limitare i danni, c'è chi non si da per vinto. Nei giorni scorsi, infatti, grazie ad un corso organizzato dalla Confcommercio di Ascoli dell'encomiabile direttore Giorgio Fiori, venti giovani e meno giovani hanno conseguito la qualifica di pizzaiolo, che continua ad essere statisticamente una delle professioni più richieste anche in ipotesi di espatrio. A tenere il corso è stato uno dei maestri pizzaioli più conosciuti ed apprezzati del nostro territorio, Amato Laurenzi, che è anche uno dei docenti di punta della celebre Accademia Pizzaioli. La serie di lezioni si è svolta presso la sala prove di uno stabilimento produttivo di quello che rimane della gloriosa zona industriale Campolungo. A caratterizzare questo corso è stata sicuramente la fantasia dei partecipanti che all'esame finale hanno proposto innovazioni ed accostamenti anche molto azzardati che hanno però conquistato la competente giuria composta da giuliano  bachetti della pizzeria paiolo di Colli del Tronto, Bruno Tosti della Bella Napoli di ascoli ed Emanuele Carnevali della pasticceria Angelo di Piazza Simonetti in Ascoli, che si è, infatti, pronunciata con ampi giudizi di merito. Molto apprezzata è stata la creazione di Andrea Tomassetti, la pizza Omega farcita con salmone, pera e mozzarella di bufala, che insieme a quella di Riccardo Tosti con pachino, farro, bufala e parmigiano ha conquistato il terzo posto all'esame finale. Il secondo posto lo ha meritato Alessandra De Angelis con la pizza Sapori di bosco (pomodoro mozzarella funghi tartufo e castagne arrostite). Il primo posto infine lo ha guadagnato Mirko Pietrantonio con la pizza Fofò, bianca con mozzarella noci e tartufo bianco a scaglie. Gli altri pizzaioli che hanno superato il corso sono: Fabio Agostini, Andrea Ciavatta, Gianfranco Cannella, Daniele Corradetti, Tiziana De Martino, Federico Di Alessandro, Fabio Di Luca, Adolfo lorenzo Dehò, Matteo Emiliucci, Alessandro Fracasso, Valerio Guerrieri, Francesco Merlini, Gianluca Sofia, Luigi Testa, Valeria Vidoni e Piergiacomo Volpi. Sono già aperte le iscrizioni per il prossimo corso del maestro Laurenzi con l'Accademia Pizzaioli che si svolgerà nella nuova sede della pizzeria Estrò a Case di Coccia di Folignano.

lunedì 3 novembre 2014

ASCOLI PICENO/ CREATTIVITÀ PRESENTA LE QUATTRO STAGIONI

Al via un laboratorio di cucina a chilometro zero con il giovane chef Mario Campanelli

(GRUPPO FAS) ASCOLI PICENO, 03 NOV. - L’associazione culturale Creattività presenta “Le quattro stagioni”, un laboratorio in cucina con il giovanissimo chef Mario Campanelli. Un vero e proprio viaggio culturale attraverso il cibo, che mira a diffondere una nuova idea di gastronomia: intelligente, stagionale, economica e, soprattutto, a chilometro zero. In una parola, la cucina contemporanea diventa sostenibile. Dall’idea del piatto fino alla tavola, in ogni incontro saranno condivise le istruzioni basilari per una spesa intelligente, una preparazione degli ingredienti efficace e snella, una cottura da manuale e, infine, un’eccellente presentazione. Poche, fondamentali nozioni su cui poggiare la costruzione di un regime alimentare sano e accessibile a tutti, ma nello stesso tempo originale e diverso dal solito.
“Le quattro stagioni” è un format che l’associazione intende ripetere ciclicamente, al cambio stagionale, per focalizzare l’attenzione su alcuni ingredienti chiave, facilmente reperibili nel territorio. Si parte d’autunno, con verdure, legumi e pesce. Il laboratorio consiste in tre incontri di tre ore ciascuno, sotto la guida di Mario Campanelli e si svolgerà nelle cucine dell’edificio accanto alla chiesa di Ss. Pietro e Paolo a Campo Parignano, nei pressi dell’ex Caserma Vellei (via Giovanni Amadio 11, Ascoli). La prima lezione è prevista per lunedì 10 Novembre e la quota di partecipazione è di 70 euro. Nel primo incontro si presenteranno le verdure, come saper riconoscere quelle più fresche, pulirle e cucinarle in venti minuti. Il secondo incontro verterà invece sui legumi e su come prepararli in modo creativo e appetitoso, neutralizzando gli effetti indesiderati. L’ultima serata sarà dedicata al pesce: come scegliere quello locale e stagionale, creando abbinamenti inediti e originali.
L’associazione culturale prende vita dall’esigenza di agire creativamente, promuovendo un’azione innovativa, originale, energica. Creattività è guidata da Fabiana Pellegrino, giornalista ed esperta in comunicazione, e Marco Corradi, editore e imprenditore da sempre attivo nel Piceno. Mario Campanelli è uno chef trentenne, nato a Colli del Tronto (AP), fervente sostenitore della cucina tradizionale a chilometro zero. A gennaio del 2013 decide di mettersi in proprio puntando sulla cucina di alta qualità. Comincia così a perfezionare la ricetta dell’oliva all’ascolana secondo tradizione e avvia la produzione artigianale. Le olive per la loro bontà finiscono sul Tempo di Roma e su Rai Uno a Uno Mattina Estate – Sapore di Sole. Oltre a essere Sommelier, è un cuoco specializzato nelle cotture soutern – a bassa temperatura – che conservano le proprietà organolettiche del cibo.

domenica 2 novembre 2014

ASCOLI/ SC: BENE SINDACO, LU BATTENTE SARÀ CAPITALE DELLA MOVIDA COME IBIZA

Petrelli: "Attendiamo opere pubbliche alla Dubai finanziate con gli incassi della nuova Tasi"


La movida ad Ibiza.
(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 02 NOV. - "Non tutti i mali vengono per nuocere. L'annuncio da parte di qualche cittadino di una campagna contro la movida molesta ed il degrado in centro storico, può essere l'occasione buona per la realizzazione di uno di quelli che da tempo si palesa come uno dei più inconfessabili sogni proibiti del sindaco di Ascoli Piceno: una città dei balocchi a Lu Battente". Ad affermarlo è l'incaricato provinciale di Scelta Civica per l'Italia, Francesco Petrelli. "Nonostante non ne abbia mai proferito parola in pubblico - spiega Petrelli - non serve certo la sfera di cristallo per intravedere quello che da anni sembrerebbe il disegno del primo cittadino di Ascoli, per dar finalmente sfogo alle istanze di tanti giovani ascolani, ovvero quello di realizzare una sorta di contenitore cittadino per la movida, che possa rappresentare anche un opportunità per nuove e giovani imprese. Contrariamente a quanto sostenuto da noi, che avremmo voluto individuare questo contenitore, rigorosamente di qualità, in centro storico, come avviene in tutte le capitali del turismo mondiale, applicando modelli consolidati in connessione sia con le attività già esistenti, ma sopratutto rendendo produttive le grandi risorse immobiliari del Comune, spesso lasciate in abbandono, il sindaco sembrerebbe vederlo bene a Lu Battente, una zona decentrata ma che gli è evidentemente molto a cuore. Grazie a questa intuizione Lu Battente diventerà definitivamente il vero grande polo d'attrazione turistica per le nuove generazioni. Il centro storico sarà invece dedicato alla terza età con sagre della salsiccia a prezzi convenzionati con le proloco in ogni largo, serate di liscio nelle piazze più importanti, entusiasmanti requiem nei teatri, degustazioni di camomille in gazebo sopraelevati per godersi meglio il panorama, corsie dedicate per pullman giramondo a tre piani e strade ferrate per trenini ad idrogeno. A Lu Battente, oltre alla nuovissima bretella ad elevata automazione, come prospettato in campagna elettorale, sorgerà anche un mirabile ponte ad un'unica arcata che potrà gestire nel migliore dei modi le frotte di giovani nottambuli che eleggeranno così la zona a capitale del turismo anche by night, visto che secondo in numeri dell'Arengo per quello by day siamo già al top". "Davvero non resta che complimentarsi - conclude l'esponente di Sc - con le visioni illuminate e lungimiranti di un sindaco che grazie all'aumento dell'occupazione sotto i suoi impulsi e la sorprendente crescita demografica derivante, sta appaltando importanti opere pubbliche già finanziate con i nuovi introiti della Tasi e gestendo uno sviluppo immobiliare alla Dubai. Del resto il 60% degli ascolani c'avevano visto bene nel rieleggerlo...".