Google+ Followers

venerdì 24 aprile 2015

ASCOLI PICENO/ VOI CON NOI: "PERICOLO IN VIA TEVERE NONOSTANTE LE PROMESSE"

Via Tevere, Ascoli Piceno

"Se omissioni e ritardi del Comune perdureranno, le Autorità s'adoperino per perseguire i responsabili"


(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 24 APR. - "È oltre un anno che in via Tevere, in direzione da Monticelli verso Porta Maggiore, prima di imboccare il cosiddetto Ponte di San Filippo c'è un pericoloso blocco di cemento armato posizionato sul lato destro della carreggiata, assolutamente non visibile in quanto completamente ricoperto di vegetazione varia. Nonostante in questo lungo lasso di tempo detto blocco sia stato causa anche di vari incidenti, nonché diversi disagi per le migliaia di utenti giornalieri della strada, è ancora lì nella più completa incuria da parte del Comune che ne è responsabile". Ad affermarlo è la delegazione picena dell'associazione Voi con Noi civicamente Marche per bocca del proprio referente e portavoce, Francesco Petrelli. "Chiunque transiti in quel tratto particolarmente stretto di strada verso Porta Maggiore - spiega -, essendo costretto a stringersi verso il lato destro della carreggiata stante il copioso sopraggiungere sul lato opposto di altri autoveicoli, rischia sempre d'imbattersi con quel blocco. Blocc
Via Tevere, Ascoli Piceno

o che spesso e volentieri è sprovvisto anche degli opportuni segnali di pericolo come previsti dal codice della strada, senza considerare che il lato della carreggiata ove è posizionato è totalmente ricoperto di vegetazione. Quel manufatto di cemento armato, a quanto pare, faceva parte di un cantiere già aperto sul punto onde tamponare una frana ben oltre un anno fa. Purtroppo nonostante le belle e ripetute parole degli Amministratori competenti che promettevano, sopratutto in procinto dell'ultima campagna elettorale per il Comune, un intervento risolutivo su quell'angusto tratto di strada ad oggi non è possibile riscontrare alcunché". "Secondo quanto affermato nel settembre 2014 dal primo cittadino aggiunge -, che a quanto pare non eccelle quanto meno per la funzione mnemonica, sono stati assegnati 516.660 euro per la riqualificazione del  ponte di S. Filippo. Dette risorse sommandosi a presunte risorse comunali, pure caldeggiate dal sindaco, avrebbero potuto consentire uno straordinario progetto di riqualificazione del ponte che rappresenta l'ingresso storico in città da est. Il ponte, che risale al XIV secolo, fu anche interessato dall’alluvione del dicembre 2013., La riqualificazione di questa importante arteria di collegamento tra Monticelli e il centro cittadino, era una delle priorità in agenda del sindaco, che nel settembre scorso non esitò a dichiarare: “La riqualificazione del ponte di S. Filippo è una priorità del governo cittadino per garantire sicurezza agli automobilisti e ai cittadini che quotidianamente vi transitano. Ora, con il progetto, già predisposto dall’ing. Pierluigi Pelliccioni, procederemo alla sua definitiva messa in sicurezza e all’allargamento della sede stradale per consentire la realizzazione anche di una pista ciclabile. Inoltre il ponte potrà diventare un altro dei richiami turistici della città”. A fargli eco fu l’assessore ai lavori pubblici: “Con questi ulteriori fondi potremo procedere al consolidamento del ponte e alla sua  riqualificazione con l’ampliamento della sede stradale. Il grande lavoro dal sindaco ha permesso di sbloccare dei  fondi che si aggiungono così a quanti erano già stati stanziati dal Comune  e che portano a 1,3 milioni di euro il costo dei lavori nella zona. Con gli interventi posti in essere dall’Amministrazione comunale nell’immediatezza degli eventi meteorologici, si  era infatti  provveduto al consolidamento della scarpata e ai lavori d’urgenza sul lato fiume”. Alla luce di quanto sopra la credibilità di questi amministratori riteniamo sia evidente anche ai cittadini più distratti". "Vista però l'indubbia pericolosità - conclude -, già manifestatasi in più di un sinistro, chiediamo che l'Amministrazione comunale di Ascoli se ne prenda carico da subito, senza più ritardi, rinvii e, tanto meno, senza se e senza ma. Altresì chiediamo che le Autorità competenti, qualora le omissioni ed i ritardi da parte del Comune perdurino, s'adoperino per individuarne i responsabili perseguendoli per quanto prescritto dalla normativa in materia".

sabato 18 aprile 2015

ASCOLI PICENO/ VOI CON NOI: "SOSTENIAMO DECISAMENTE CERISCIOLI"

"Alla larga però da chi nel Pd e nella coalizione esprime anche rappresentanze col peggior sindaco di Ascoli"

(PRESSOFF.INFO) ASCOLI PICENO, 18 APR. - "Anche la delegazione provinciale di Ascoli Piceno di Voi con noi civicamente marche, federazione di liste civiche, sosterrà decisamente la candidatura dell'ex sindaco di Pesaro, Luca Ceriscioli, alla presidenza della regione Marche". Ad affermarlo è il portavoce e referente pro-tempore, Francesco Petrelli.
"La nostra Associazione - aggiunge - presta sopratutto attenzione a contenuti e programmi sui temi concreti come la sanità, l’occupazione, l’integrazione territoriale ed il welfare. Le forme del nostro impegno politico nel Piceno per Ceriscioli sono ancora da definirsi, ma sicuramente saranno nel segno del rinnovamento in particolare nel comune di Ascoli, dove ben distinte anime del centrosinistra, anche in questa prossima tornata elettorale, cercheranno di rinsaldare oscene connivenze con i più beceri animatori di una ben precisa destra. Una destra talmente asservita ai poteri forti che, come abbiamo visto, non disdegna tandem elettorali con esponenti che per decenni, almeno sulla carta, ha avversato".

"Saremo quindi sicuramente promotori di un voto responsabile per Ceriscioli all'insegna del rinnovamento anche delle persone sulle cui gambe contenuti e programmi necessariamente camminano. I nostri consensi gireranno di certo alla larga da chi, pur candidatosi nel Pd e nella coalizione di Ceriscoli, esprime ben precise rappresentanze anche assessorili nella giunta del peggior sindaco che Ascoli abbia mai avuto, l'attuale. A certi squallidi professionisti della politica, ben consci di non poterli estromettere dai più luridi comitati d'affari, quantomeno cercheremo di rendere molto difficile la rappresentanza nelle istituzioni. Ovviamente l'auspicio è che anche nella "lontana" Pesaro certe ombre del centrosinistra ascolano siano sempre più chiare".